Fact checking

Il Vaticano paga l'IMU alla Raggi? Non ci avete mica creduto, vero?

virginia raggi imu chiesa

Ieri Adriano Meloni, assessore al Commercio della Giunta Raggi, aveva dichiarato garrulo ai giornali romani che «Il Papa si è reso disponibile» a pagare l’IMU. Anche Beppe ci aveva creduto: «Giustissimo che il Vaticano paghi l’IMU», aveva detto il Capo Politico del M5S ai giornalisti mentre era in visita a Roma. Poi è arrivata la gelata:  “Nessuno può permettersi di attribuire al Papa virgolettati o dichiarazioni. Il Pontefice, quando vuole, parla autonomamente, non ha bisogno di intermediari”, ha fatto sapere la sindaca di Roma Virginia Raggi “in riferimento ad articoli pubblicati nelle pagine romane di alcuni quotidiani in cui si riporta la disponibilità del Papa al pagamento dell’Imu sugli immobili commerciali della Chiesa”, come ha riferito il suo ufficio stampa alle agenzie. E siccome a parlare era stato il suo assessore, si è subito capito che l’aria che tirava era piuttosto gelida.

Il Vaticano paga l’IMU alla Raggi? Non ci avete mica creduto, vero?

E adesso la memoria torna a un anno fa, quando era stata l’allora candidata grillina al soglio capitolino a sostenere che se il Campidoglio avesse preteso il balzello, «come anche il Papa ha detto essere giusto», sarebbero arrivati «400 milioni». E fu sempre Raggi, il 1 luglio, nel corso della sua prima udienza privata con il Papa, a portare una video-raccolta di appelli e testimonianze dalle periferie della capitale, tra cui quella di un trentenne che a Bergoglio chiedeva di «concretizzare gli auspici espressi circa il pagamento dell’Imu per gli esercizi della Chiesa». Ed è stata ancora lei a dicembre a confermare: «Stiamo lavorando anche per quello». E Paolo Rodari su Repubblica riporta le parole del cardinale Domenico Calcagno: «Noi paghiamo tutto, nel rispetto della legge. Parlo in ogni caso degli immobili di proprietà dell’Apsa — l’amministrazione del Patrimonio della sede apostolica — Mentre di quelli degli istituti religiosi e delle varie congregazioni religiose presenti a Roma non posso dire nulla, occorre chiedere a loro. Ritengo in ogni caso che tutti debbano pagare e che, come ha più volto sostenuto Francesco, un convento che lavora come un albergo debba pagare la giusta imposta allo Stato».

imu chiesa raggi
Le proprietà immobiliari della Chiesa

E Il Messaggero ricorda oggi l’infinita disponibilità immobiliare della chiesa in città:

Anche perché c’è di tutto, tra le 297 strutture alberghiere, gestite da enti religiosi, che sono state censite a Roma. Per chi vuole trascorrere qualche giorno da turista, nella Città eterna ci sono tante possibilità, nel panorama delle proprietà religiose. Sui siti specializzati sul web si può facilmente trovare una buona sistemazione a Monteverde, pochi minuti a piedi dalla passeggiata del Gianicolo, con camere climatizzate e dotate di wi-fi e tv satellitare. Oppure una comoda struttura con 72 camere a ridosso della Basilica di San Pietro, dotata anche «di un’ampia meeting room per tenere conferenze, convegni e seminari».
Poi c’è la casa per ferie dotata di piscina, e quella che promette «gustose esperienze gastronomiche» ai suoi ospiti. Insomma, un’offerta ricettiva vasta e con tariffe in linea con il mercato, ossia molto spesso comprese tra i 100 e i 200 euro per notte. Tra le strutture di questo tipo, censite sul sito del dipartimento turismo del Campidoglio, il 62 per cento risulta non in regola con i versamenti dell’Imu e più del 40 per cento non è presente nei database dell’Ama per il pagamento della tariffa rifiuti. Per un contenzioso totale, con l’amministrazione comunale, di circa 19 milioni di euro.

Insomma, dopo la propaganda è arrivato il dietrofront. D’altro canto è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, rispetto a che un soldo di IMU entri nelle casse del Comune.