Opinioni

Nel paese che odia la scienza Vandana Shiva diventa consulente del Miur

Siamo stati facili profeti quando avevamo previsto che il ministro Fioramonti non ci avrebbe fatto rimpiangere Toninelli ma, battute a parte, il tema è serissimo. La colpevole superficialità e l’insipienza (oserei dire il menefreghismo) con cui le forze politiche continuano a distribuire dicasteri e alti incarichi a personaggi palesemente inadeguati è forse uno dei principali segni del declino economico-culturale del nostro paese. Il neo ministro dell’istruzione si è già fatto notare per avere affermato che i divorzi aumentano il PIL (trovavo più convincente la Lezzi e i suoi condizionatori), per avere considerato la nostra scuola troppo competitiva e per avere giudicato disincentivante legare al merito almeno una parte degli aumenti di stipendio per gli insegnati. A proposito di PIL, per Fioramonti in passato in Italia si sono messe in atto troppe politiche finalizzate a farlo crescere (effettivamente il PIL c’è sfuggito di mano e ora cresce troppo velocemente). Stendiamo poi un velo pietoso sulla tassa sui voli aerei studiata appositamente per fare cassa e non disincentivare i voli aerei (ammesso e non concesso che sia una soluzione saggia disincentivare i voli aerei). Stendiamo un altro velo pietoso sull’idea di tassare bibite gassate e merendine per promuovere l’italico panino al prosciutto e le spremute di frutta (le carni processate sono considerate cancerogeni certe per l’uomo e andrebbero limitate al massimo, un panino al prosciutto ha più calorie di una merendina e le spremute di frutta contengono più o meno gli stessi zuccheri semplici e calorie della Coca Cola). Non esiste, tuttavia, un velo pietoso abbastanza grande che possa giustificare l’ultima ideona di Fioramonti.

lorenzo fioramonti dino giarrusso

Secondo quanto riportato dal quotidiano La Repubblica e da altre testate, il ministro si è dotato di un consiglio scientifico per lo sviluppo sostenibile per “accompagnare il potenziamento di una didattica scolastica con un’impronta ecologista” (non trovate quest’ultimo virgolettato una supercazzola sublime?). In questo consiglio ci sarebbero personalità di spicco come l’attivista ambientale Vandana Shiva. Bisogna conoscere il personaggio per capire l’enormità di questa decisione (almeno a livello simbolico poi mi auguro che l’operazione sia pura propaganda). Sarebbe come se Wakefield fosse diventato consulente del ministero della salute. Vandana Shiva, non a caso ribattezzata malignamente Panzana Shiva, è una delle più prolifiche produttrici di bufale a livello mondiale sui temi ambientali. L’irriducibile nemica degli OGM ha diffuso (ed è stata ovviamente creduta da mezzo mondo) la balla spaziale dei 250.000 suicidi di agricoltori indiani a causa degli organismi geneticamente modificati (per chi volesse saperne di più la vicenda è stata ben analizzata dal divulgatore Dario Bressanini). Ha inoltre diffuso la falsità dei semi OGM sterili poi ripresa dallo scrittore Erri De Luca e da giornalisti e politici vari. Il suo ideale di società è la società pre industriale, quando tutti stavamo benissimo e ognuno coltivava il suo orticello biologico per sfamarsi da sé. Infatti, a suo parere, prima dell’arrivo degli OGM in India nessuno soffriva la fame e ancor meno questo accadeva prima della rivoluzione verde degli anni ’60, non fa nulla che sia una palese menzogna, Vandana ama le narrazioni romantiche.

vandana shiva xylella

Ha suggerito di combattere l’epidemia di Xylella abbracciando amorevolmente i nostri ulivi (ma dobbiamo farlo tutti perché se li abbraccia solo una persona le energie positive non sono sufficienti). Nella sua visione qualsiasi patogeno sarebbe frutto dei “pesticidi” e basterebbe smettere di usarli e dare un po’ di affetto alle piante per sconfiggerli (scacco matto a Xylella). Per farla breve è il guru mondiale di un ambientalismo becero, superficiale e anti scientifico, intriso di suggestioni magiche e spiritualismo all’ingrosso. Nel paese che odia la scienza e premia il populismo anti scientifico, una così non poteva che riscuotere un enorme successo ed essere amata dalla gente, dai media e dalla politica. Non a caso è stata nominata ambasciatrice dell’Expo di Milano nel 2015 e persino il pragmatico sindaco Sala (al tempo non lo era) non ha rinunciato a una foto con lei. Questo è avvenuto dopo che l’ambientalismo più serio e illuminato aveva già cominciato a isolarla, anche in virtù dello spietato e documentatissimo articolo pubblicato dal New Yorker nell’agosto del 2014 in cui il personaggio, le sue competenze e le sue dichiarazioni furono letteralmente fatti a pezzi, evidenziando la sua tendenza a inventare fatti e numeri. Ma nel paese che odia la scienza è ancora una star, nel paese in cui non isolati cialtroni ma rispettati intellettuali, giornalisti e politici hanno di volta in volta sostenuto le ragioni dei novax, del metodo Di Bella, dei negazionisti di Xylella, del metodo Stamina, della bio dinamica e persino del finto allunaggio (opinione rispettabile per il Fatto Quotidiano), Vandana ha una riserva di popolarità non intaccata. Nel paese che odia la scienza, in fondo, è anche giusto che il ministero dell’istruzione (cioè il ministero nel lungo periodo più strategico per la nostra crescita economica e culturale) si affidi a Vandana Shiva per revisionare la nostra didattica. È naturale che avvenga. Questo perché Fioramonti è lo specchio della nostra politica, la politica è lo specchio del nostro paese e il nostro paese, appunto, odia la scienza.

Leggi anche: I giardinieri invalidi assunti dal Comune di Roma

Elio Truzzolillo

Elio Truzzolillo, nato il 24/06/1972,laureato in Economia. Segue con passione la politica italiana e il mondo delle fake news.