Politica

La telefonata tra Conte e Putin e l’arrivo dei militari russi in Italia

telefonata conte putin militari russi

Un retroscena della Stampa a firma di Jacopo Iacoboni ci racconta di una telefonata tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e Vladimir Putin in cui il leader della Russia si è impegnato a aiutare l’Italia nella battaglia al Coronavirus. E poi domenica sera a Pratica di Mare sono arrivati 9 aerei llyushin con forniture russe e 100 specialisti nella guerra batteriologica, uomini che le agenzie russe definiscono esperti nel settore che hanno lavorato nell’eliminazione dei focolai di peste suina africana, antrace, nei vaccini contro Ebola e contro la peste.

Ma quali forniture esattamente ci hanno spedito i russi, e a che prezzo? Fonti politiche di alto livello hanno riferito a La Stampa che «tra quelle forniture russe l’80%è totalmente inutile, o poco utile all’Italia. Insomma, poco più che un pretesto». A differenza, per dire, delle spedizioni cinesi (consistenti soprattutto in ventilatori polmonari e mascherine), quelle russe sarebbero attrezzature per la disinfestazione batteriologica di aree, un laboratorio da campo per la sterilizzazione e la profilassi chimico-batteriologica, e attrezzature di questo tipo.

A detta di queste fonti, la reale contropartita della telefonata è stata dunque tutta geopolitica e diplomatica: Putin ha visto nel Coronavirus un’opportunità per incunearsi anche fisicamente nel teatro italiano, e al premier italiano non è dispiaciuto puntellarsi, in questa difficile crisi, accettando tutto ciò pur di consolidare un’ottima relazione personale con la spondapoliticadi Mosca. Che cosa significa incunearsi fisicamente è presto spiegato: il centinaio di esperti mandati da Mosca sono medici militari, e tutta l’operazione fa capo al ministero della Difesa russo, non a quello della Sanità.

telefonata conte putin militari russi

Questo perché, spiega ancora il retroscena, hanno i gradi di generali, colonnelli, maggiori, tenenti colonnelli, impegnati in passato in terreni di operazioni militari, dalla Guinea all’Africa, in cui la guerra batteriologica ha fatto tutt’uno con operazioni dell’intelligence estera russa:

Sergei Kikot, generale maggiore, capo della missione, è esperto di antrace. Gennady Eremin, colonnello, è esperto in guerra batteriologica e ha lavorato contro la febbre suina. Il colonnello Viacheslav Kulish è un esperto nello sviluppo di attrezzature protettive contro agenti biologici virali, ha lavorato nei programmi contro Ebola e la peste. Ieri questo team è partito da Roma in direzione Bergamo, con mezzi militari: per 600 chilometri, in territorio italiano, militari russi si muovevano con la benedizione di Palazzo Chigi. E chi ha dato indicazione di aprire l’aeroporto di Pratica di Mare? E’ chiaramente una situazione d’eccezione.

Nessuna telefonata sulla materia è intervenuta tra i ministri degli esteri, Lavrov e Di Maio. Si torna così alla telefonata Conte-Putin, che è stata il cuore della vicenda, per la quale abbiamo girato a Palazzo Chigi due domande: quali forniture esattamente sono arrivate da Mosca? E quanto sono state pagate? Da Palazzo Chigi siamo stati rigirati al commissario per l’emergenza Domenico Arcuri, con laspiegazione che la telefonata Conte-Putin e le forniture sono due temi diversi. Eppure era stato proprio un comunicato ufficiale di Palazzo Chigi a congiungere espressamente le cose. E l’agenzia russa Interfax anche, persino più esplicita. Da Palazzo Chigi ci è stato detto che un elenco di forniture completo verrà reso pubblico domani. Ma dal team di Arcuri ci hanno detto che al momento non è prevista la pubblicazione delle forniture russe. Nulla è stato pagato, si trattato di «un regalo di generosità di Putin all’Italia».

Leggi anche: L’ignoranza di Matteo Salvini sui numeri del PIL e della spesa pubblica