Politica

Lo stipendio di Rocco Casalino a Palazzo Chigi

rocco casalino

Erano in tanti a domandarselo: ma quanto prenderà Rocco Casalino per il suo ruolo di capo ufficio stampa e portavoce di Giuseppe Conte a Palazzo Chigi? Qualche anno fa c’era stata un po’ di maretta tra deputati e senatori del MoVimento 5 Stelle quando i grillini avevano scoperto che il capo dell’ufficio comunicazione dei grillini al Senato portava a casa la bella cifra di ottomila euro lordi al mese. Critiche assolutamente ingiustificate perché per sopportare tutti i giorni i grillini ottomila euro sono una miseria.

Lo stipendio di Rocco Casalino a Palazzo Chigi

Adesso però Rocco Casalino non è più capo dell’ufficio comunicazione M5S in Parlamento, ma si è trasferito a Palazzo Chigi per l’incarico più delicato che ci sia: seguire Giuseppe Conte e gestire l’incredibile mole di lavoro che il governo del cambiamento ha messo in campo in questi mesi di fervida attività legislativa, come il decreto Genova ha testimoniato. La legge sulla trasparenza 33/2013 prevede che le pubbliche amministrazioni aggiornino i dati sulle collaborazioni entro tre mesi dal loro insediamento. E quindi , con il ritardo tipico di chi considera la trasparenza un valore, a quasi quattro mesi dal varo dell’esecutivo sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri il 19 settembre 2018 è stato pubblicato l’aggiornamento delle “Retribuzioni lorde dei Dirigenti o equiparati con incarico presso gli uffici di diretta collaborazione del Presidente dei Vicepresidenti e dei Sottosegretari di Stato presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega di funzioni del Presidente – Governo Conte”. Il costo complessivo dell’intero staff ammonta a 662mila euro annui.

stipendio rocco casalino
Gli stipendi dell’ufficio stampa di Palazzo Chigi (fonte: Presidenza del consiglio dei ministri)

Così, scopriamo che lo stipendio di Rocco Casalino in quanto capo ufficio stampa e portavoce si compone di un trattamento economico fondamentale (lordo) pari a 91.696 euro, uguale a quello di Dario Adamo, responsabile editoriale del sito web e dei social media di Conte ed ex dipendente della Casaleggio Associati di cui si parlò qualche tempo fa a Roma perché l’ex fidanzata venne assunta dall’assessora Meleo. Oltre al trattamento economico fondamentale, Casalino è l’unico a poter godere di una retribuzione di posizione variabile (lorda) o un emolumento accessorio pari a 59.500 euro che porterebbe, se tutta corrisposta, il totale a 151.196 euro. E non finisce qui. Perché, come tutti gli altri sei componenti dell’ufficio stampa, Casalino riceve anche un’indennità di diretta collaborazione (lorda) pari a 18.360 euro; il totale quindi arriva (o meglio, arriverebbe se la retribuzione variabile fosse tutta corrisposta) a 169.556 euro e 86 centesimi. Molto di più degli ottomila euro lordi al mese del 2014.

Leggi sull’argomento: Perché il governo non ha ancora revocato la concessione di Autostrade