Opinioni

La solidarietà di Antonio Rinaldi alla povera Giorgia Meloni brutalizzata da Littizzetto

L’europarlamentare della Lega (ed ex candidato di Fratelli d’Italia) Antonio Rinaldi, noto per apprezzare il limoncello che Alitalia offre ai clienti di un certo livello mentre brucia un miliardo di euro di soldi nostri, ieri ha pensato bene di esprimere la sua solidarietà a Giorgia Meloni che sarebbe stata derisa da Luciana Littizzetto.

antonio rinaldi giorgia meloni

Cosa ha fatto Lucianina? Luciana Littizzetto domenica sera da Fabio Fazio a Che tempo che fa ha spiegato con un esempio concreto come si sfotte “Io sono Giorgia Remix“, proponendo un nuovo testo per il meme del millennio inventato dalla leader di Fratelli d’Italia a piazza San Giovanni:

“Sono Luciana, sono una donna, sono una madre, sono pisquana / Questo è il gioco del Freccero unico, ci devono togliere tutto quel che siamo per farci perdere la nostra identità!”

“Vogliono che siamo Fazio su Raiuno, Fazio su Raidue / Difendiamo la nostra identità, difendiamo la nostra qualità: Poltrone e Sofà”

Come abbiamo scritto qualche giorno fa, questi video remix non fanno altro che ripetere i contenuti che la Meloni vuole vengano ripetuti (perché funzionali alla sua propaganda). E di piccole esche la nostra ne semina continuamente, in quei video dove con aria fintamente truce lancia proclami bellicosi e irrevocabili contro… le zucchine di mareÈ già successo con il tormentone “Ollolanda”, su cui la Meloni ci si è addirittura fatta una maglietta e che ha fatto passare in secondo piano quello che stava dicendo la Meloni a Di Martedì: affondare le navi delle ONG e arrestare gli equipaggi.

melonichan giorgia meloni mari love live - 4

Ed è questo il problema. Come quando ci si concentra su quanti follower abbia su Twitter la Meloni e quanti siano eventualmente “fake” e si fa passare così in secondo piano il tema ben più pesante politicamente dell’utilizzo di slogan e parole d’ordine dei suprematisti bianchi come “sostituzione etnica“, sui quali guarda caso non ci si fanno remix. E farlo notare non significa dire che la Meloni è “mandante morale” dei terroristi. Significa che sta normalizzando quel linguaggio xenofobo e razzista (per pura coincidenza il “nemico” numero uno identificato dalla propaganda è un ebreo). Esattamente come i video remix non fanno satira, normalizzano la narrazione della Meloni su sé stessa. E il problema è che non si può far partire una critica ad un qualsiasi politico utilizzando solo le parole che ha scelto di dire mettendole in musica. 

Leggi anche: Io sono Giorgia remix, ovvero: come fare un favore alla Meloni credendo di sfotterla