Politica

A scuola banchi singoli e ingressi scaglionati in base alle fasce d’età

La ministra della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina annuncia alcune delle novità per l’anno scolastico 2020-2021 in un’intervista rilasciata al Messaggero

lucia azzolina

A scuola si entrerà con ingressi scaglionati in base alle fasce d’età mentre i banchi saranno singoli. La ministra della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina annuncia alcune delle novità per l’anno scolastico 2020-2021 in un’intervista rilasciata al Messaggero:

«Ci sono tre cose da fare per garantire il distanziamento e le faremo: migliorare e recuperare spazio dentro agli istituti, individuare nuovi locali fuori da scuola, avere più docenti e personale ATA. Metteremo in pratica le soluzioni scuola per cuola insieme ai tavoli regionali che sono già partiti. Il primo di settembre gli istituti saranno già aperti per fare lezione a chi è rimasto indietro e a chi vuole potenziare gli apprendimenti. Poi il 14 l’avvio ufficiale delle lezioni».

E sulla mascherina cosa si può dire oggi: sarà davvero obbligatoria per tutti gli “over sei”?
«Il Ministero della Salute ha già detto che rivaluterà la misura nella seconda metà di agosto».

Per garantire il distanziamento servono nuovi arredi, primi  fra tutti i banchi singoli. Ma ogni anno le scuole restano senza: chi li acquisterà se gli enti locali sono sempre in affanno?
«Ci sono scuole che hanno locali dismessi, ad esempio un’aula inagibile da anni per problemi di manutenzione. Non è pensabile che a settembre sia ancora chiusa. Quanto all’arredo scolastico, i banchi singoli di nuova generazione fanno guadagnare metri e  garantiscono innovazione delladidattica. Credo che saranno la priorità di intervento per molti istituti. Su acquisto e distribuzione ci darà una mano il commissariato straordinario per l’emergenza».

linee guida ritorno a scuola 14 settembre
Le linee guida per il ritorno a scuola dal 14 settembre (27 giugno 2020)

La didattica, anche con la possibilità di ridurre i minuti di lezione dei docenti, quanto risentirà di questa emergenza Covid-19?
«Insegnare non è solo fare lezioni frontali e nozionismo. A settembre si sperimenteranno forme di didattica innovative che anche in Italia alcuni istituti già usano da anni e con soddisfazione”.

Un’ultima domanda, ministro.  Gli ingressi scaglionati. Ne ha parlato al nostro giornale anche il suo collega Speranza: chi deciderà in concreto gli orari di ingresso? Per chi ha più figli da  accompagnare a scuola non c’è il rischio di aggravare ancora di più le famiglie?
«Gli ingressi scaglionati servono ad evitare il sovraffollamento non solo davanti alle scuole, ma anche sui mezzi di trasporto. Ci organizzeremo cercando di evitare il più possibile i disagi e lavorando per fasce d’età».

Leggi anche: L’obbligo di mascherine a scuola ovunque tranne in palestra e quando si mangia