Politica

Salvini e Di Maio: c’eravamo tanto telefonati

luigi di maio matteo salvini

La situazione della maggioranza di governo è sempre più disperata, visto che Salvini e Di Maio non si telefonano più. Dopo essersi lamentato per i colloqui tra il Capitano e Berlusconi, il vicepremier e bisministro, ci fa sapere oggi Ilario Lombardo sulla Stampa, hanno interrotto le comunicazioni:

Tutte le relazioni finiscono con un cellulare che suona a vuoto. Ministri e collaboratori di Lega e M5S hanno detto per mesi: «Finché reggerà il rapporto tra Matteo e Luigi reggerà anche il governo». E loro confermavano: «Ci sentiamo ogni giorno, più volte al giorno, sms, whatsapp, telefonate…». Matteo, che ovviamente è Salvini, e Luigi, che ovviamente è Di Maio, oggi a malapena si salutano.

Le ultimissime cronache di governo raccontano di scene mute e di un dettaglio che più di altri immortala la frattura tra i due leader. Salvini non risponde più ai messaggi di Di Maio. Almeno così sussurrano nell’entourage del capo politico del M5S. «L’ha presa sul personale – si è lamentato il grillino – Non ha capito però che ci sono delle responsabilità politiche alle quali non può sottrarsi».

Insomma, tra i due c’è la tipica baruffa da campagna elettorale. Il casus belli è stato il sottosegretario:

 Le dimissioni del sottosegretario Armando Siri hanno la sciato una ferita che potrebbe non rimarginarsi più. I nervi ormai si spezzano facilmente. I ministri grillini sono stati testimoni di ben due volte in cui Salvini ha urlato rivolto alla ministra della Difesa Elisabetta Trenta. In un caso è dovuto intervenire il premier Conte per calmarlo.

Inoltre, prima del Consiglio dei ministri in cui si è deciso il destino di Siri – raccontano fonti di Palazzo Chigi – tutti i ministri del Carroccio si sono riuniti nella stanza di Giancarlo Giorgetti in attesa che fosse Conte ad entrare prima di loro, mentre i colleghi del M5S erano già seduti ad aspettare. È finita che il premier ha detto che sarebbe arrivato solo dopo l’ingresso di Salvini e i suoi: «Non esiste che io stia lì ad aspettare loro…».

Dallo staff di Di Maio però ci tengono a chiarire che non c’è stata nessuna telefonata del ministro del Lavoro a Salvini

 “Non c’è stata alcuna telefonata, ne’ messaggio, da parte del ministro Di Maio nei confronti del collega Salvini”.”Il rapporto tra i due ministri è sempre stato circoscritto all’ambito istituzionale e continua ad esserlo, in ottemperanza al contratto di governo”.

Leggi anche: Cosa c’è dietro le frasi di Renzi su Salvini, la Bestia e i 49 milioni