Politica

Gli antifascisti che aspettano Salvini a Mondragone lunedì

Lunedì saranno in presidio ai palazzi Cirio a Mondragone in concomitanza con la visita di Matteo Salvini. Intanto ieri la ASL ha fatto sapere che i tamponi eseguiti, 743, hanno rivelato quasi esclusivamente portatori asintomatici

salvini andria contestazione

“Ci risiamo, la solita strategia della mietitura di consenso operata da Salvini che viene messa in atto utilizzando lo sciacallaggio mediatico e spettacolare. Del resto questa e’ la strategia dei sovranisti mondiali: colpire le coscienze più deboli nel ventre molle del loro malessere sociale”: lo dicono i movimenti antifascisti casertani che lunedì saranno in presidio ai palazzi Cirio a Mondragone in concomitanza con la visita di Matteo Salvini.

Gli antifascisti che aspettano Salvini a Mondragone lunedì

“Quanto successo a Mondragone – sottolineano – è il prodotto delle sorti dettate da questo sistema, i poveri sono un effetto collaterale e vengono così ghettizzati in aree geografiche periferiche (sud Italia) in quartieri ghetto. Quello che conta è che questi poveri si scannino tra di loro, così che si possa dare la colpa allo straniero che non rispetta le regole e non a chi si ingrassa facendoli lavorare a pochi euro l’ora”. “Salvini non ti vogliamo – rimarcano – e faremo di tutto per renderti la visita quanto più sgradevole possibile, in barba all’accoglienza che da sempre contraddistingue le nostre terre. Mondragone non si lega: non si lega alla malavita, agli agitatori e – concludono i movimenti – non si lega agli sciacalli”.

salvini andria contestazione
La protesta contro Salvini ad Andria

Intanto ieri la ASL ha fatto sapere che i tamponi eseguiti, 743, hanno rivelato quasi esclusivamente portatori asintomatici e che non c’è nessun caso grave. Cento i testi sierologici eseguiti finora, con risultati non ancora noti. Mentre i residenti si dividono sull’abbattimento dei cinque palazzoni da 10 piani della ex Cirio, realizzati a fine anni’ 70 per il sogno svanito del “Parco Florida” o sulla loro riqualificazione, la polemica si infiamma tra i politici, in piena campagna elettorale per le regionali. Il neo-consigliere della Lega Giampiero Zinzi presidia il varco della zona rossa con l’ ex sindaco Giovanni Schiappa ed i consiglieri del centrodestra, ed accusa il presidente della Giunta campana Vincenzo De Luca, di aver ignorato una sua interrogazione del 13 marzo, nella quale lanciava l’allarme e chiedeva tamponi.

Leggi anche: La foto di Salvini in treno senza mascherina