Fact checking

Rinaldo Veri: il candidato M5S all'uninominale che è ancora consigliere comunale a Ortona

rinaldo veri m5s pd ortona -1

Rinaldo Veri, ammiraglio di squadra della Marina militare: ex comandante delle forze marine della Nato, poi presidente del centro Alti studi per la difesa a Roma, è stato il primo candidato all’uninominale presentato da Luigi Di Maio oggi al tempio di Adriano. Forse l’ammiraglio Veri ha preso troppo alla lettera la celebre frase del comandante Gregorio De Falco, anche lui candidato con il MoVimento. Appena sei mesi fa infatti Veri correva per la poltrona di sindaco di Ortona con una lista civica sostenuta dal Partito Democratico.

L’ammiraglio Rinaldo Veri dal PD al M5S

L’ammiraglio Veri correrà alla Camera nella circoscrizione Lazio 1 nel collegio 10 di Roma – Quartiere Gianicolense. Come detto però Veri ha corso per la poltrona di primo cittadino di Ortona alle elezioni del giugno 2017. Veri era sostenuto dal Partito Democratico e da alcune liste civiche e ha conquistato il 18% dei voti. Nel suo discorso di presentazione Veri ha detto di non essere un politico e che il M5S è l’unica forza in grado di vincere le elezioni. L’ammiraglio ha deciso di candidarsi con il MoVimento perché non bisogna parlare politichese ma fare per il futuro dei giovani e che la politica ha deluso gli italiani: “Non sono un politico, mi sono candidato con il M5S perché amo l’Italia e credo che ogni cittadino ha necessità di vedere un Paese migliore. È un voto di protesta? E chissene frega”. Più o meno lo stesso genere di dichiarazione che fece a febbraio 2017 quando accettò di candidarsi per il Partito Democratico.
rinaldo veri m5s pd ortona -3
La cosa davvero interessante è che l’ammiraglio Veri è stato eletto consigliere comunale ad Ortona e risulta ancora essere consigliere comunale. Lo era fino a fine novembre 2017 e lo è ancora oggi. A confermarlo telefonicamente e su Facebook anche Matteo Bonfante, segretario del Partito Democratico di Ortona. Alle scorse amministrative il M5S infatti non riuscì a certificare una lista. A quanto pare il meetup era spaccato ed erano emerse due candidature.

rinaldo veri
Foto da: Facebook

Una di quelle considerate “vicine” (ma non certificate) al M5S, quella di Tiziano Torzi, si presentò con una lista civica che arrivò ultima. Per le regole del M5S non possono essere candidate persone che hanno partecipato ad elezioni contro un candidato del MoVimento. In teoria quindi Veri può candidarsi. Il problema è che è ancora consigliere comunale eletto con il sostegno di una forza politica avversaria del partito di Di Maio. Veri è stato eletto da candidato sindaco di una coalizione di centrosinistra, guidata dal PD. Come sia stato possibile che questo piccolo particolare sia sfuggito al vaglio dello Staff di Rousseau e di Luigi Di Maio è al momento un mistero.
EDIT: Dopo la pubblicazione di questo articolo Rinaldo Veri ha annunciato il ritiro della candidatura con il M5S.