Opinioni

Il ricorso del governo al Tar contro l’ordinanza di Musumeci

Ieri sera il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha annunciato di aver inviato alle autorità competenti una diffida ad adempiere alla sua famosa ordinanza che prevedeva che i migranti fossero sgomberati dalla Sicilia in toto entro lunedì a mezzanotte. In attesa di capire come mai l’ultimatum della mezzanotte sia in effetti scaduto senza che il governatore abbia mosso un dito nei confronti di quelli che voleva sgomberare (perché le ordinanze prevedono che chi le emette sia in grado di eseguirle, di solito…), a quanto pare il governo si è però svegliato sulla questione e sta preparando il famoso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale che spiegherà a Musumeci quello che dovrebbe già sapere. Ovvero che non può prendere decisioni su materie di competenza dello Stato. Scrive il Corriere della Sera:

Il ricorso al Tar contro l’ordinanza di sgombero degli hotspot dei centri immigrati firmata dal governatore della Sicilia, Nello Musumeci, c’è già. Ieri è stato messo a punto dall’Avvocatura Generale dello Stato, ma ancora non è stato depositato. Questione di ore. Ma ai giudici la politica si è già rivolta. Il capogruppo di Italia Viva al Senato, Davide Faraone, ha denunciato Musumeci e il leader della Lega Matteo Salvini per procurato allarme, abuso d’ufficio e diffamazione alla procura di Agrigento.

nello musumeci ordinanza ricorso al tar

Salvini replica: «Già il 3 ottobre vado a processo per sequestro di persona. Ora grazie a Renzi e grazie al Pd raccolgo altre tre denunce, per me sono tre medaglie»

Leggi anche: Mentre Musumeci fa ordinanze-spettacolo, la Sicilia è ultima nei tamponi