Economia

Reddito di cittadinanza, l’assalto ai CAF del 6 marzo

di maio caf reddito di cittadinanza

«Non venite tutti il 6 marzo, ci sono i tempi per presentare la domanda. Abbiamo tempo fino al 15 aprile per inviarla all’Inps»: quello che Mauro Soldini, a capo della consulta dei CAF, invia a mezzo stampa sembra un appello disperato e in effetti quello che ci si aspetta sul reddito di cittadinanza è proprio un assalto. Domani, 6 marzo, si potranno consegnare i moduli per il reddito di cittadinanza che l’INPS ha messo online nei giorni scorsi. Un servizio che dovrebbe essere gratuito ma sarà a esaurimento.

Chi presenterà la domanda tra il 6 e il 31 marzo avrà una risposta dall’Inps tra il 26 e il 30 aprile via sms o via mail. Se sarà positiva le Poste invieranno la specifica comunicazione per il ritiro della carta dove verrà caricato l’importo. Le prime somme verranno poi accreditate dai primi di maggio. In caso di diniego non è ancora chiaro se il richiedente potrà fare ricorso. Per la valutazione dei requisiti si applicherà la normativa prevista attualmente dal decreto legge che prevede un Isee inferiore a 9.360 euro annui, un patrimonio immobiliare diverso dalla prima casa di abitazione che non supera i 30.000 euro ed un patrimonio finanziario non superiore a 6.000 euro (20.000 per le famiglie con persone disabili).

reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza, le tappe (Corriere della Sera, 5 marzo 2019)

Eppure è necessario presentarsi in prima fila il 6 marzo, perché, spiega oggi La Stampa, l’accordo tra Inps e Caf ha un valore di 117 milioni che comprendono sia le spese per i moduli Isee che quelle per il Reddito di cittadinanza: 82 milioni vengono dal bilancio Inps, 35 dal decretone in via di approvazione alla Camera e comprendono 20 milioni per la spesa per i moduli Isee e 15 per la compilazione del modulo dell’Rdc. La convenzione impegna i Caf a svolgere attività per 1 milione e 300 mila domande.

E se i soldi non dovessero bastare? «Si interromperà il canale di trasmissione», rispondono dai Caf che non escludono di sospendere l’invio all’Inps delle domande. Tanto più che la produzione di una pratica Dsu per Isee costa in media 23,80 euro al netto dell’Iva (e richiede 32 minuti di lavorazione) mentre il compenso pattuito è pari a 13,40 euro più Iva.

Leggi anche: Sulla TAV Conte si gioca la testa