Economia

Pensione a 64 anni con taglio del 3% e sconto di due anni per chi fa lavori gravosi

Dal 2022 chi vuole potrebbe andare in pensione con un’uscita anticipata che prevede un’età di 64 anni e un minimo di 38 anni di contributi. Con un taglio su una parte dell’importo. E per chi è impiegato in lavori usuranti ci sarebbe uno sconto

quanrantena malattia inps pensioni 64 anni

Dal 2022 chi vuole potrebbe andare in pensione con un’uscita anticipata che prevede un’età di 64 anni e un minimo di 38 anni di contributi. É una delle ipotesi che sono sul tavolo per superare Quota 100. Ma chi deciderà di anticipare il pensionamento dovrà accettare un taglio 2,8-3% della parte di pensione calcolata con il calcolo contributivo per ogni anno che serve per raggiungere quota 67 anni. Inoltre chi fa lavori usuranti avrà diritto a due anni di sconto, spiega il Messaggero:

Fra un anno lo stop al meccanismo sperimentale di Quota 100 promette di produrre effetti ingiusti (uno scalone di ben 5 anni) nei confronti di chi non potrà andare in pensione sfruttando questa finestra e dovrà invece attendere il compimento dei 67 anni. Cosa fare per risolvere il problema? Il governo pensa a varie soluzioni e la preferita consiste  nel consentire, dal 2022, a chi lo desidera l’uscita anticipata a 64 anni di età con un mimino di 38 annidi contributi accettando un taglio del 2,8-3% della parte di pensione calcolata con il calcolo contributivo (modello introdotto nel 1996 per tutti i lavoratori) per ogni anno che serve per raggiungere quota 67 anni. Vale a dire l’orizzonte ordinario della pensione. Questa soluzione potrebbe essere particolarmente favorevole ai lavoratori più maturi e ormai prossimi al riposo. Per loro, quelli nati a cavallo degli anni ’60, buona parte della pensione viene infatti calcolata attraverso un modello misto retributivo (per le annualità fino al ’96) e contributivo (per le annualità successive). E dunque il sacrificio, in termini di taglio della pensione, sarebbe piuttosto limitato. L’alternativa alla cosiddetta Quota 102 (costo ipotizzato: 8 miliardi di euro) consisterebbe nel puntare su uscite flessibili ancora più anticipate anagraficamente e flessibili calcolando l’assegno interamente con il contributivo. Lo Stato avrebbe costi più elevati, in prima battuta, ma poi risparmierebbe nel tempo perché le pensioni ottenute sono legate ai contributi versati e più basse di quelle calcolate con una parte di retributivo.

aumento età pensione libero 2019 67 anni

Per chi è impiegato in lavori gravosi come operatori ecologici ed altri raccoglitori e separatori di rifiuti; operai dell’industria estràttiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici; conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni; conciatori di pelli e di pellicce e conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante, si pensa a un vantaggio: la possibilità di uscita anticipata a 62 anni e 36 di contributi, con una penalizzazione ridotta o nulla. Il provvedimento riguarderebbe chi oggi usufruisce dell’Ape social.

Leggi anche: Come cambierà il reddito di cittadinanza