Opinioni

Cosa pensa Draghi del referendum sull'euro

«L’euro è irreversibile e la Bce farà tutto quel che serve, nell’ambito del suo mandato per preservarlo». Lo ha affermato il presidente della Bce, Mario Draghi, durante una audizione al Parlamento europeo, rispondendo ad un parlamentare del Movimento 5 Stelle, Marco Zanni, che lo aveva interpellato sull’ipotesi di tenere un referendum sulla permanenza nell’euro, che stanno organizzando i 5 Stelle e la cui raccolta firme comincerà a breve.
mario draghi quantitative easing 2
Il presidente della Bce ha anche respinto energicamente le ipotesi di una nuova ristrutturazione del debito pubblico della Grecia: «Non pensiamo che sia la cosa giusta da fare, non pensiamo che sia necessario e non pensiamo che sarebbe utile», ha affermato durante una audizione all’Europarlamento, rispondendo ad una domanda di un deputato. I dati sul Pil del terzo trimestre hanno evidenziato una netta accelerazione della crescita economica in Grecia. «I fatti – ha aggiunto Draghi – sono che se la Grecia si tiene in carreggiata su riforme e risanamento, allora il suo debito è sostenibile».

Leggi sull’argomento: il piano di Grillo per uscire dall’euro: poche idee ma ben confuse