Sport

Le partite della Serie A in chiaro su Rai o Mediaset?

partite serie a chiaro 1

La serie A riparte, a porte chiuse, con i recuperi della 7/a giornata di ritorno e il ministro per lo Sport, Vincenzo Spadafora scrive alla FIGC chiedendo la trasmissione in chiaro degli incontri. Ma a stretto giro arriva, seppur a malincuore, il “no” della Lega di A che “pur comprendendo e condividendo le finalità alla base della richiesta”, sottolinea che le norme in vigore e gli obblighi contrattuali già assunti, “non consentono di potervi aderire”.

Le partite della Serie A in chiaro su Rai o Mediaset?

La richiesta di Spadafora è arrivata a due giorni dal ritorno in campo dopo lo stop imposto dall’emergenza coronavirus. Già la scorsa settimana Sky per prima, seguita dalla Rai e da Mediaset, aveva dato la sua disponibilità almeno per il big match Juventus-Inter. Il ministro, ieri, aveva scritto al Presidente della Figc, Gabriele Gravina e, per conoscenza, al Presidente della Lega Calcio Seria A, Paolo Dal Pino, per chiedere di valutare se ci fossero le condizioni per trasmettere in chiaro i match del massimo campionato, almeno i recuperi in programma domenica e lunedì. Una richiesta che aveva trovato il sostegno della Federcalcio, ma che si è scontrata con la risposta della Lega. Spiega oggi Franco Vanni su Repubblica:

Mediaset e Rai, all’idea che Sky possa trasmettere Juve-Inter sul suo canale gratuito Tv8, nei giorni scorsi hanno inviato alla Lega lettere di diffida. Il servizio pubblico e il gruppo controllato da Fininvest temono il crollo degli ascolti sui propri canali, con perdite economiche. Perdite di cui chiederebbero poi conto alla Lega di Serie A. Tanto Mediaset quanto Rai si sono dette pronte a trasmettere in chiaro la partita di cartello, Juve-Inter, ma Sky che ne ha pagato i diritti finora non è stata disponibile a cederli. Né può farlo d’imperio la Lega di Serie A, che con Sky ha firmato un contratto.

partite serie a chiaro
Il calendario nuovo della Serie A con i recuperi delle partite non giocate (Gazzetta dello Sport, 7 marzo 2020)

A sbloccare la situazione potrebbe essere un decreto ad hoc del governo, necessariamente da firmare questa mattina. Un provvedimento imperativo, ispirato al criterio della salute pubblica, che imponga la trasmissione delle partite in chiaro. Ma il ministro Spadafora al momento ha preferito la via della moral suasion, conquistando il plauso di migliaia di tifosi e lasciando il cerino in mano alla Lega Calcio.

Per la Lega autorizzare la trasmissione in chiaro significherebbe provocare la rivolta dei propri iscritti: le squadre di Serie A, dopo avere perso i soldi dei biglietti con le porte chiuse allo stadio, rischierebbero di dovere pagare risarcimenti milionari alle tv. Teoricamente Sky potrebbe cedere per una sola domenica (per il futuro si vedrà) le altre partite che ha diritto di trasmettere, esclusa Juve-Inter, a Rai e Mediaset, in una sorta di storica pax televisiva.

Leggi anche: Il poliziotto della scorta di Salvini positivo al Coronavirus (il Capitano farà il tampone)