Opinioni

«Minniti non autorizzerà altri sgomberi senza soluzioni alternative»

Il ministro Minniti non vuole autorizzare ulteriori sgomberi a Roma se non ci saranno soluzioni alternative. Lo riferisce il senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani, ai microfoni di SkyTg24. Manconi spiega che la dichiarazione “non è virgolettabile” ma è un ragionamento che il numero uno del Viminale “ha comunicato”.
marco minniti
La dichiarazione di Manconi, che in questi giorni si è speso in prima persona sullo sgombero di Palazzo Curtatone, va interpretata. Le “soluzioni alternative” sono quelle che di cui ha parlato il capo della polizia Franco Gabrielli nell’intervista rilasciata oggi a Repubblica, facendo riferimento alle delibere della Regione e di Tronca in cui si stanziavano fondi per l’emergenza abitativa che potevano essere spesi anche per chi, in stato di bisogno, venisse sgomberato dalle palazzine occupate come quella di via Curtatone. Gabrielli ha criticato il Comune e la Regione Lazio per non essersi mossi per tempo, sostenendo che proprio l’inerzia degli enti locali ha causato il caos a Piazza Indipendenza. La frase di Minniti, sulla scia di quanto detto da Gabrielli, vuole dire che il ministero dell’Interno si è reso conto che muoversi a Palazzo Curtatone senza il concerto di Comune e Regione ha causato tutte le critiche a cui la sua gestione politica è stata sottoposta in queste ore, provenienti anche – e soprattutto – da sinistra. Per questo ha chiesto le “soluzioni alternative”.

Leggi sull’argomento: Tutte le bugie (e i soldi dimenticati) su Palazzo Curtatone e Piazza Indipendenza