Opinioni

Il post di Carlo Sibilia su Mimmo Lucano casualmente NON sparito dal blog M5S

In occasione dell’arresto di Mimmo Lucano, sindaco di Riace, il MoVimento 5 Stelle fece scendere in campo le sue intelligenze migliori (Carlo Sibilia, nientepopodimenoché sottosegretario all’Interno) per sostenere l’accusa dei pubblici ministeri di Locri: «Il sistema dell’accoglienza targato Pd ha creato più indagati che integrati. Il governo del cambiamento ha dichiarato guerra al business dell’immigrazione e nel DL sicurezza ci saranno già risposte importanti».

Ieri la Corte di Cassazione ha depositato le motivazioni che hanno portato all’annullamento con rinvio dell’obbligo di firma per Lucano. La misura cautelare era stata disposta dal Tribunale della libertà di Reggio Calabria il 16 ottobre nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Locri che ha rinviato a giudizio Lucano. Rileva inoltre la Cassazione che non solo non sono provate le “opacità” che avrebbero caratterizzato l’azione di Lucano per l’affidamento di questi servizi alle cooperative L’Aquilone e Ecoriace, ma è la legge che consente “l’affidamento diretto di appalti” in favore delle cooperative sociali “finalizzate all’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate” a condizione che gli importi del servizio siano “inferiori alla soglia comunitaria”.

sibilia mimmo lucano

E, come per miracolo, nel frattempo il post di Carlo Sibilia sul Blog delle Stelle, che all’epoca venne condiviso anche dal vicepremier e bisministro Luigi Di Maio, è misteriosamente sparito. Forse perché qualcuno si era reso conto che accusare a vanvera chi fa del bene non è la mossa più intelligente per distinguersi delle idee. M5S: abbiamo delle idee, ma se non vi piacciono ne abbiamo delle altre.

EDIT 7 aprile 2019: Ci fa notare Matteo Platone nei commenti di Disqus che il post è ancora visibile. Abbiamo editato il titolo del pezzo.

Leggi anche: Il caso Claudia Bugno e le dimissioni minacciate da Tria