Politica

Manlio Di Stefano annuncia alleanze con il PD anche in Emilia (e alle elezioni politiche)

«Queste decisioni passano dalla volontà di tutti, sono sicuro che sia possibile trovare un accordo per l’Emilia».

manlio di stefano bibbiano carta bianca - 2

Manlio Di Stefano, sottosegretario agli Esteri confermato del governo Conte, in un’intervista rilasciata a Martina Cecchi De Rossi su La Stampa annuncia alleanze con il Partito Democratico anche in Emilia Romagna e addirittura a livello nazionale. L’uscita segue quella di Zingaretti su Virginia Raggi che non è poi così male come sindaca di Roma:

Zingaretti spinge perché l’accordo trovato sull’Umbria diventi alleanza. Di Maio frena, Grillo vi ha nuovamente spronato sul Pd…
«Beppe non ha parlato di alleanze, ma di una modalità che ci porti a guardare al risultato, e a dire che portiamo le politiche sui nostri temi. Questo non significa alleanza, ma a ragionare come in Umbria, dove siamo arrivati con il Pd ad avere un candidato civico».

A livello nazionale potreste mettere insieme un’alleanza, anche con Leu, che vi farebbe superare il 45 per cento.
«Su questo non ci sono preclusioni assolute, ma a patto che si parta dai programmi e dai contenuti e non dai nomi».

Una vittoria in Umbria di Bianconi potrebbe dare un’accelerata su questo percorso?
«Potrebbe, anche se fatico a pensare che in altre realtà il Pd abbandoni alcuni suoi uomini».

zingaretti raggi

Quindi in Emilia, dove è in corsa Bonaccini, non si può replicare il modello Umbria. Ma sareste pronti ad andare da soli o potreste puntare su una accordo di desistenza?
«Queste decisioni passano dalla volontà di tutti, sono sicuro che sia possibile trovare un accordo per l’Emilia».

Leggi anche: M5S-PD, o si fa l’Umbria o si muore