Opinioni

L'archiviazione di Stefano Bravo

Nel febbraio 2017 sono state archiviate dal GIP Flavia Costantini le posizioni di centrotredici indagati tra cui Nicola Zingaretti (indagato in base alle dichiarazioni di Buzzi) e Gianni Alemanno (solo per alcuni dei reati contestati). Tra le archiviazioni, unitamente al reato di riciclaggio, c’è anche quella di Stefano Bravo, che era stato accusato, come ricordato da un articolo del Corriere della Sera ripreso in parte anche da neXt Quotidiano, di aver portato in Svizzera soldi per gli uomini di Mafia Capitale. Un’accusa caduta già in sede istruttoria visto che l’archiviazione del GIP era stata richiesta dalla stessa procura.
stefano bravo
Stefano Bravo è invece in attesa di giudizio per il reato di corruzione nel processo Mafia Capitale e aveva inviato nel 2014 a Libero Quotidiano una rettifica in cui spiegava la sua posizione sull’accusa:

D’altra parte, il nostro assistito smentisce assolutamente quanto riportato nella pubblicazione anzidetta per cui egli “porta soldi in Svizzera e fa altri viaggi per conto della organizzazione”. Al contrario il Dr. Bravo rappresenta di non avere mai trasferito denaro all’estero per conto di alcuno; nè in Svizzera, nè in alcun altro Paese, Stato o Nazione. E di non avere mai compiuto viaggi per conto di alcuno, in nessun luogo.
Con la massima fiducia nella Autorità Giudiziaria procedente – che non risulta avere mai rappresentato di ritenere il Dr. Bravo “di essere uno dei professionisti che riciclava all’estero il denaro sporco della cupola”, e che sembrerebbe quantomeno originale e stravagante si confidi privatamente con i giornalisti dell’intestato quotidiano – che acclarerà la palese inesistenza di responsabiliità a carico del Dr. Bravo. Il quale smentisce di avere mai riciclato denaro per conto di chiunque, e men che mai di una non meglio specificata ed anzidetta “cupola”, di cui il Dr. Bravo nulla sa e nulla conosce.

Leggi sull’argomento: Le 113 archiviazioni di Mafia Capitale