Politica

Jimmie Åkesson: la carta di Salvini per le elezioni europee

sweden democrats jimmie akesson

È Jimmie Åkesson la carta segreta di Matteo Salvini per sparigliare alle elezioni europee. La Stampa racconta oggi in un retroscena a firma di Amedeo La Mattina che la Lega si prepara a una candidatura unica con il cartello dei populisti europei. E con un leader ben riconoscibile:

Nelle scorse settimane il leader del Carroccio, il più attivo nell’operazione-ribaltone a Bruxelles, ha avuto modo di discuterne a Vienna con il leader
del partito di estrema destra Fpö, Heinz-Christian Strache e con il suo collega ministro dell’interno austriaco Herbert Kickl. «Contatti intensi – spiega la nostra fonte leghista – sono in corso con gli scandinavi dove i partiti nazionalisti stanno riscuotendo molto successo».

Salvini guarda con molto interesse a Jimmie Akesson, il giovane leader dei Democratici Svedesi che alle scorse elezioni politiche ha sfiorato il 18 per cento, facendo tramontare l’esperienza lunga un secolo del governo socialdemocratico.

democratici svedesi elezioni svezia

Il dialogo è aperto pure con Alternative für Deutschland, che già il 14 ottobre potrebbe avere una buona affermazione in Baviera. Non è un caso che Salvini abbia sbarrato la strada ai rimpatri dei migranti registrati in Italia e poi fuggiti in Germania che il ministro dell’Interno Horst Seehofer vuole rimandare nel nostro Paese.

È una carta che la Cdu bavarese sta tentando di giocare proprio per evitare la sconfitta e fermare Alternative für Deutschland. «Perché dovrei aiutare i miei avversari politici legati alla Merkel», dice Salvini che vorrebbe indebolire i Popolari e dopo le europee trattare con loro un accordo di potere per governare insieme nella Commissione Ue.

Leggi sull’argomento: “Vi spiego perché i Democratici Svedesi sono il risultato del fallimento dei partiti tradizionali”