Opinioni

L’improvvisa corsa tra PD e renziani per far sbarcare la Ocean Viking

Coincidenze, si tratta assolutamente di coincidenze. Non ha fatto nemmeno in tempo stamattina Luigi Di Maio a fare il Salvini sulla Ocean Viking, dicendo che «Bisogna fare la cosa giusta, non quella che spaventa di meno» e quindi che «Non è possibile che la Viking per l’ennesima volta sbarchi sempre e solo in Italia», che subito è scattata una corsa a chiedere che la Ocean Viking sbarchi ora, subito, adesso.

ocean viking pd

Ha cominciato Davide Faraone che ha minacciato di salire a bordo per verificare le condizioni sanitarie dei migranti dell’equipaggio. Ha proseguito Matteo Renzi pur ricordando che bisogna “aiutarli a casa loro come dico da anni”.

ocean viking matteo renzi

matteo renzi

E subito dopo è arrivato persino Dario Franceschini (tanto ormai in Umbria hanno già perso…) che ha tenuto a distinguersi da Renzi “Non ho fatto tweet” ma ha fatto sapere anche che per la maggioranza che oggi regge il PD (quel che resta della minoranza lo sta dicendo da giorni) bisogna far sbarcare subito la nave della ONG.

ocean viking franceschini

A Franceschini è andato dietro subito dopo Nicola Oddati della segreteria di Zingaretti:

nicola oddati

Insomma, tutto procede come previsto verso il suicidio politico della disgondinuidà di Giuseppe Conte. Intanto la domanda resta sempre la stessa: a cosa è servito al PD non fare niente perché “portiamo voti a Salvini”?

Leggi anche: A cosa è servito al PD non fare niente perché “portiamo voti a Salvini”?