Politica

Il nuovo piano per i profughi con 20mila nuovi alloggi

Entro qualche giorno dal Viminale partirà una circolare per reperire almeno 20 mila alloggi per gli immigrati. La distribuzione continuerà ad essere equa, secondo i criteri già applicati: ogni Regione manterrà la percentuale di migranti che già ospita. Al primo posto, racconta Fiorenza Sarzanini oggi sul Corriere della Sera, la Sicilia con il 15 per cento e subito dopo la Lombardia con il 13 per cento e il Lazio con il 9 per cento. «Una linea decisa già da settimane, nonostante le resistenze delle Regioni del Nord, e confermata in queste ultime ore. Una strategia che si muove sul doppio binario dell’organizzazione dell’accoglienza in Italia e della trattativa con Bruxelles in vista del vertice del 14 settembre. Le richieste che il nostro Paese presenterà al tavolo dell’Unione Europea prevedono l’innalzamento delle quote di profughi da distribuire e l’obbligatorietà per tutti gli Stati di accettarli», ricorda il giornale.

piano profughi 20mila nuovi alloggi
Il nuovo piano profughi del Viminale (Corriere della Sera, primo settembre 2015)

Gli immigrati presenti nelle strutture temporanee al momento sono 65.067, mentre quelli che si trovano nei Cara/Cda (Centri di accoglienza per richiedenti asilo/Centri di accoglienza) e Cpsa (Centri di primo soccorso e accoglienza) sono 9.181. I posti Sprar, cioè quelli nelle strutture adibite a centri di accoglienza per il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, sono 20.099. E i soldi?

Altro capitolo spinoso riguarda i finanziamenti. Secondo i conti già elaborati, il nostro Paese spenderà per il 2015 circa un miliardo di euro, quasi trecentomila euro in più dell’anno scorso. Lo stanziamento previsto dal ministero dell’Economia è di 750 mila euro, ma nelle casse del Viminale devono ancora arrivare 380 mila euro e senza quei fondi il sistema rischia di arrivare al collasso. I 310 milioni messi a disposizione dall’Europa saranno infatti erogati in sette anni e dunque rappresentano soltanto una minima parte di quanto è necessario per garantire un’assistenza adeguata a chi attende anche mesi per sapere se potrà ottenere il riconoscimento di rifugiato.