Politica

I nuovi stipendi della Camera dei deputati

Il 27 gennaio i dipendenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica riceveranno i loro primi stipendi dopo la riforma della retribuzione votata dal parlamento. Scattano infatti i nuovi tetti, in ossequio alla regola che nessuno nella pubblica amministrazione deve guadagnare più dei 240 mila euro lordi che spettano al presidente della Repubblica, e per chi sta sopra questa cifra, solo a Montecitorio sono circa 500 dipendenti su 1300, inizia una manovra di tagli progressivi che andrà a regime nel 2018. In tutto la Camera nel giro di 4 anni risparmierà 60,15 milioni di euro, altri 36,7 il Senato. Le nuove norme, contestate dai sindacati dei dipendenti e subito accolte con circa mille ricorsi alle commissioni interne, non risparmiano nessuno, compreso il neosegretario generale di Montecitorio, Lucia Pagano, che si è appena insediato ed il cui compenso lordo quest’anno sarà di 263 mila euro, contro i 460mila del suo predecessore. L’infografica della Stampa:

stipendi camera deputati
Gli stipendi della Camera dei Deputati (La Stampa, 19 gennaio 2015)