Politica

Giunta Raggi, mancano due nomi

giunta raggi

Due caselle da riempire: trasporti e commercio. E il nodo Frongia da affrontare e tagliare. Più l’assessorato alle partecipate, che potrebbe finire in delega a Frongia. La Giunta Raggi, che la sindaca ha promesso di presentare il 7 luglio, comincia il conto alla rovescia per la sua presentazione. Il primo consiglio comunale, durante il quale deve presentare la sua giunta, è stato convocato per giovedì 7 luglio alle ore 15. In quella stessa seduta dovrà essere eletto il presidente del consiglio comunale e stabilito il calendario delle prime sedute. Ernesto Menicucci sul Corriere della Sera di oggi riepiloga i nominati e spiega che mancano ancora due nomi per chiudere il cerchio e cominciare a lavorare.

giunta raggi otto nomi 1
Giunta Raggi, gli otto nomi “sicuri” (Corriere della Sera, 4 luglio 2016)

giunta raggi otto nomi 2
Giunta Raggi, gli otto nomi “sicuri” (Corriere della Sera, 4 luglio 2016)

Ne mancano, come detto, tre. Sull’assessore alla Mobilità si sfoglia ancora la margherita. Cristina Pronello del Politecnico di Torino avrebbe declinato (o è stata «scartata» dai Cinque Stelle, a seconda delle letture), Marco Ponti del Politecnico di Milano era già saltato, le ricerche condotte presso la facoltà di Ingegneria dei Trasporti alla Sapienza non hanno prodotto i risultati sperati. E manca anche un assessore al Commercio e Turismo, dopo il «raffreddamento» che c’è stato nei confronti di Donatella Visconti, ex vicepresidente Adir sotto Marino (indicata dall’Ama già guidata da Daniele Fortini) ma che in passato venne nominata a Banca Impresa Lazio dall’allora governatrice Renata Polverini. Poi c’è il tema dell’assessorato temporaneo al «riordino delle partecipate», dove pare saltato Antonio Blandini, «impallinato» da un esposto del Codacons sui suoi passati incarichi in Carife. Quel ruolo, ora, «farebbe gola» a Daniele Frongia, che per spostarsi da capo di gabinetto a vicesindaco vuole una delega pesante. Tra oggi e domani si vedrà.

Leggi sull’argomento: Giunta Raggi, interviene Casaleggio?