Politica

Giulio Centemero: il tesoriere della Lega a giudizio per i 40mila euro di Caprotti

Centemero, deputato e capogruppo della Lega in commissione Finanze, risulta indagato anche a Roma all’interno del procedimento principale a carico del costruttore Parnasi. Anche qui l’accusa è finanziamento illecito

centemero salvini lega 49 milioni

Giulio Centemero va direttamente a giudizio per i 40mila euro ricevuti da Bernardo Caprotti per l’associazione PiùVoci e girati a Radio Padania. Il tesoriere della Lega di Matteo Salvini sarà processato a Milano. L’appuntamento per lui è fissato per il prossimo 10 luglio, data della prima udienza che lo vede imputato per un finanziamento illecito di 40 mila euro ricevuto dall’associazione Più voci di cui è stato legale rappresentante. Lo racconta oggi Il Fatto Quotidiano:

Pochi giorni fa, i pm titolari del fascicolo, Stefano Civardi e Gianluca Prisco, hanno firmato una citazione diretta a giudizio senza passare da una richiesta e da un’udienza preliminare davanti a un giudice. Un passaggio processuale legato al fatto che il reato prevede una pena non superiore ai quattro anni e quindi permette di andare subito a giudizio senza un’udienza intermedia. CON LA VICENDA Centemero, nata a Roma dalla maxi-inchiesta sul costruttore Luca Parnasi e trasferita poi a Milano per competenza territoriale, trova così una prima casella certa il grande risiko giudiziario che in questo momento ruota attorno alla Lega dell’ex vicepremier Matteo Salvini.

Secondo la ricostruzione fatta dalla Procura (e negata da Centemero) il versamento doveva essere di 120 mila euro poi ridotti a 40 mila e risalenti al periodo tra il 2015 e il 2016. L’unico indagato è Centemero, anche perché il finanziatore Caprotti è deceduto nel 2016. Inoltre, secondo gli atti, composti da quelli romani e da alcune segnalazioni dell’unità antiriciclaggio presso la Banca d’Italia poi analizzate dalla Finanza di Bergamo, quel denaro non sarebbe rimasto all’associazione Più voci, ma sarebbe stato triangolato per dare ossigeno alle casse ormai vuote di Radio Padania.

bernardo caprotti soldi della lega

Centemero, deputato e capogruppo della Lega in commissione Finanze, risulta indagato a Roma all’interno del procedimento principale a carico del costruttore Parnasi. Anche qui l’accusa è finanziamento illecito. Secondo i magistrati della Capitale, infatti, l’associazione Piùvoci sarebbe stata destinataria di un finanziamento per 250 mila euro elargito dallo stesso Parnasi. In questo stesso filone risulta coinvoltoanche Francesco Bonifazi, ex tesoriere del Partito democratico e oggi passato tra le file di Italia Viva, il nuovo movimento politico creato dall’ex premier Matteo Renzi.

Leggi anche: Teresa Bellanova, Barbara Lezzi e la rissa politica sui fondi per la Xylella