La macchina del funky

Federica Angeli e la bufala della candidatura nel PD

domenico spada federica angeli

Oggi il Corriere della Sera pubblica un articolo a firma di Tommaso Labate in cui si fanno i nomi di alcuni VIP che potrebbero essere candidati nelle coalizioni alle elezioni del 4 marzo. Tra questi c’è anche Federica Angeli, cronista di Repubblica che su Facebook ha nettamente smentito la possibilità di essere candidata.

Federica Angeli: la bufala della candidatura nel PD

Nell’articolo del Corriere si sostiene che “la lista dei volti della società civile su cui Renzi punta per risalire la china comincia a prendere forma. Il leader del Pd vuole candidare Mauro Berruto, l’ex «ct filosofo» della nazionale pallavolo. E nelle liste schiererà, quasi a smentire la fama di essere uno con lo sguardo perennemente rivolto alla sua blacklist,anche lo storico presidente dell’Istituto Gramsci Beppe Vacca, che anni addietro gli aveva pronosticato un futuro tutt’altro che roseo («Questo Renzi lo espelliamo in due mesi», ipse dixit)”, ma successivamente ha cambiato idea e ha guidato la campagna per il sì al referendum del 4 dicembre del 2016.
federica angeli candidata pd
Il Corriere scrive anche che, come anticipato da altri quotidiani, a Lucia Annibali “verranno affidati i galloni della capolista del Pd delle Marche. E quindi sarà parlamentare, stesso destino a cui è atteso anche l’immunologo Roberto Burioni“.

Candidati e non candidati

Ma sulla sua pagina Facebook la Angeli smentisce di essere nella rosa dei nomi di Renzi per una candidatura nel PD e che le sembra curioso che i vertici del PD abbiano pensato a lei senza prima informarsi sulla sua eventuale disponibilità. Un modo elegante per smentire la vicenda, sottolineato dalla candidatura “a mia insaputa” che apre il post.
federica angeli bufala candidata
Nei commenti è ancora più esplicita:
federica angeli bufala candidata 1
Anche Roberto Burioni ha a più riprese smentito di essere stato contattato per il vaglio di una sua candidatura.

Leggi sull’argomento: «Il M5S disse che i mafiosi eravamo io, Federica Angeli e Don Ciotti»