Opinioni

Enrico Mentana contro Grillo e il MoVimento di Nessuno

Anche Enrico Mentana oggi scende nell’agone della polemica sul blog a sua insaputa di Beppe Grillo e su Genova, dove il caso Cassimatis potrebbe finire in tribunale. Mentana segnala che nella politica italiana vige il principio del non prendersi mai le proprie responsabilità: dalla casa a sua insaputa di Claudio Scajola ai 101 del PD che segarono la corsa di Romano Prodi al Quirinale. Un principio perfettamente implementato anche nella “nuova politica”:
enrico mentana beppe grillo

Su un piano diverso, ma con la stessa inverosimiglianza, come fa Beppe Grillo a non rendersi conto di quanto nuoccia profondamente alla sua credibilità, e quindi a quella del Movimento che ha fondato, l’uso assolutistico del suo blog, come scettro di Salomone, per validare o invalidare elezioni, per dare la linea, proclamare e sconvocare a giro di ore consultazioni e referendum. Il tutto senza mai rendere conto a nessuno, su scelte e numeri, inappellabile.
E poi però, di fronte a una querela, scivere che lui, Grillo “non è responsabile, né gestore, né moderatore, né direttore, né provider, né titolare del dominio del blog né degli account Twitter, né dei tweet e Facebook e non ha alcun potere di direzione né di controllo sul blog né sugli account twitter e Facebook e tanto meno di e su ciò che ivi viene postato”. Per la brutta vicenda genovese Grillo ha scritto “fidatevi di me”. Di me chi? Ecco, il partito dei 101 anonimi e il movimento di Nessuno sono le forze principali del nostro paese.

Leggi sull’argomento: Il ministero della Sanità e le «sciocchezze» del M5S sul morbillo