Politica

Di Maio contro gli otto milioni di euro a Radio Radicale

di maio sciopero generale venerdì - 1

“Una di queste intese riguarda per esempio Radio Radicale: ci sono di nuovo 8 milioni di euro all’anno per tre anni a Radio Radicale, una radio che ha preso già 250 milioni di fondi dallo Stato”. E conclude: “8 milioni di euro all’anno diamoli ai terremotati, alle persone colpite dal sisma”. Luigi Di Maio, parlando coi cronisti al Senato, torna sulla questione dei soldi pubblici alla radio.

Di Maio contro gli otto milioni di euro a Radio Radicale

Nella Legge di Bilancio 2020 è infatti previsto che a Radio Radicale sia prorogato per 2020-2022 il regime convenzionale, con una spesa di 8 milioni per ciascuno anno. Il M5S aveva fatto campagna elettorale contro la Lega quando il Carroccio aveva votato insieme ai renziani un finanziamento pari a 3 milioni di euro per l’anno in corso a Radio Radicale.

E pensate cosa succederà quando Di Maio scoprirà che secondo una bozza della manovra alle scuole pubbliche che acquistano abbonamenti a quotidiani e periodici, anche digitali, è attribuito un contributo fino all’80% della spesa sostenuta, che lega l’assegnazione del contributo a un bando annuale a valere sul Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione, per un importo non superiore a 20 milioni. Intanto, in previsione di una riforma organica del settore, tutti i termini relativi alla riduzione dei contributi diretti alle imprese editrici di quotidiani e periodici sono differiti di 12 mesi (“sono conseguentemente differite le riduzioni applicabili alla contribuzione diretta”). Intanto il M5S lancia il sondaggio: “Invece che a Radio Radicale, quei 24 milioni di euro diteci voi a chi li volete destinare”. M5s passa all’attacco, dopo il ‘la’ arrivato da Luigi Di Maio, e dal Blog delle stelle apre una sorta di sondaggio sui social: “Utilizzate l’hashtag #24milioniper per fare sapere a noi, ma soprattutto a chi votera’ questa porcata, come volete che vengano spesi i vostri soldi. C’e’ solo l’imbarazzo della scelta e, destinare questi soldi a una radio privata, per noi, non e’ un’opzione. E’ un’offesa per chi di questi soldi ha davvero bisogno!”. “Qualcuno – accusa il Blog M5s – in legge di Bilancio ha riproposto, per l’ennesima volta, di finanziare Radio Radicale con milioni di euro delle tasse degli italiani: 8 milioni all’anno per tre anni. Sono 24 milioni di euro. Altri 24 milioni di euro di soldi pubblici a una radio privata, che negli anni si e’ gia’ presa 250 milioni di euro di soldi delle tasche dei cittadini. Ci spiegate, con tutti i problemi che ha questo Paese, la logica di dare quasi 30 milioni di euro in piu’ a una radio privata e per lo piu’ politica?”. “Voi ve lo spiegate? Noi no. Eppure tutti i partiti sono compatti su questo tema. Da destra a sinistra, pare che sia proprio una loro battaglia. Non si dimenticano mai di Radio Radicale, sono convinti e uniti piu’ che mai sul finanziarla ad ogni occasione utile”, incalzano i 5 stelle.

Leggi anche: La tassa su filtri e cartine e sul tabacco trinciato