Politica

Di Battista in Congo dopo le elezioni europee

di battista congo

Il Fatto Quotidiano in un articolo a firma di Tommaso Rodano ci fa sapere che Alessandro Di Battista è pronto a ripartire. Dopo lo skipass di cittadinanza reclamato a gran voce ieri insieme ai tagli degli stipendi dei parlamentari, Dibba è pronto a battagliare con Di Maio per la maggior gloria del MoVimento 5 Stelle a Strasburgo, ma non entrerà nel governo Conte né andrà a fare il commissario europeo, come si ipotizzava sui giornali nei giorni scorsi. No, Dibba va in Congo perché sta bene solo in Congo e allora se ne va lì:

Nel futuro prossimo dell’ex deputato grillino invece non c’è ancora la politica romana (o continentale), ma un altro viaggio molto lontano dai palazzi: Di Battista andrà in Congo. Nei suoi progetti ci sono nuovi reportage, stavolta dall’Africa, forse anche un libro e un tour teatrale. NON PRIMA però delle elezioni europeee quindi non prima di fine maggio: in questi mesi, sperano nel Movimento, Di Battista sarà la carta in più per rovesciare l’egemonia mediatica di Matteo Salvini e cambiare direzione ai sondaggi che vedono i Cinque Stelle in costante dimagrimento rispetto al 32,7% delle Politiche dell’anno appena concluso

Campagna elettorale per recuperare voti, quindi, e subito dopo di nuovo via

E quindi andrà in Africa, Dibba. Prima però lavorerà ancora per i Cinque Stelle e per consolidare la sua posizione nel pantheon grillino: un ’altra campagna elettorale senza candidatura, da battitore libero,per provare a riprendersi gli elettori più intransigenti, in fuga dal Movimento di governo. E per contrapporre allo strapotere di Salvini un altra figura popolare e forte mediaticamente.

D’altro canto la canzone era in qualche modo già profetica:

bongo bongo bongo
stare bene solo al Congo
non mi muovo no no
bingo bango bengo
molte scuse ma non vengo
io rimango qui
no bono scarpe strette saponette
treni e tassi’
ma con questa sveglia al collo
star bene qui
ma con questa sveglia al collo
star bene qui
ma con questa sveglia al collo
star bene qui

Leggi sull’argomento: La prima balla sgamata del 2019 è quella di Di Maio