Sport

Cosa è successo tra Nainggolan e l’Inter

radja nainggolan inter

Radja Nainggolan è stato sospeso ieri dall’Inter perché si è presentato in ritardo all’allenamento alla Pinetina (non per la prima volta). L’inaspettata punizione nei confronti del giocatore arrivato dalla Roma nella scorsa sessione di calciomercato grazie a 40 milioni di valutazione totale e il sacrificio di Zaniolo ha aperto scenari imprevedibili sul futuro del centrocampista, che era già finito ai ferri corti con la dirigenza e il tecnico giallorosso l’anno scorso.

Cosa è successo tra Nainggolan e l’Inter

Nainggolan aveva ricevuto il rinnovo del contratto con adeguamento da Monchi soltanto l’anno scorso, ma nell’occasione si era parlato anche di un patto non scritto tra dirigenza e atleta: niente notti brave, niente alcool e fumo e vita da professionista. Un accordo evidentemente non rispettato, come ha testimoniato il video di Capodanno in cui il Ninja ubriaco bestemmiava e fumava, e che poi ha portato alla rottura con Di Francesco e soci. Lo stesso percorso, ma più rapidamente, sembra essere tracciato in casa Inter nonostante sia stato Spalletti a volere il giocatore belga di origini indonesiane in rosa.

radja nainggolan

Il ritardo all’allenamento di ieri mattina è la scintilla, l’ultimo di una serie di comportamenti che per la dirigenza dell’Inter,con il nuovo a.d. dell’area sportiva Beppe Marotta in testa, non sono più tollerabili. Ieri i fatti: la squadra si doveva presentare al centro sportivo nerazzurro alle 10, l’allenamento defaticante era fissato per le 11. Tutti arrivano puntuali, tranne Radja. Che ha superato il cancello della Pinetina con 15-­20’ di ritardo. Scrive la Gazzetta che il belga è recidivo e sembrerebbe non in perfette condizioni fisiche. Si unisce comunque ai compagni e completa con gli altri il lavoro di scarico. Poi, a  pranzo, Marotta, Ausilio e Spalletti decidono di usare il pugno duro e poco prima delle 14 comunicano la sospensione a Radja, che incassa e subito dopo chiude il profilo Instagram per provare ad abbassare i riflettori. Il belga sarà anche multato di circa 40mila euro, cifra massima prevista dalle regole dell’Aic in base allo stipendio.

Nainggolan, la sospensione e l’ipotesi cessione

Dalla Pinetina arrivano anche altri sussurri  sul comportamento dell’ex Roma che ha in alcuni casi oltrepassato i limiti della professionalità. Si parla di una riunione tecnica prepartita saltata, con tanto di visita in camera di un collaboratore di Spalletti, e di una certa superficialità nel lavoro in palestra dopo gli infortuni. Chi era alla festa di Natale dell’Inter racconta anche di un Ninja andato via troppo tardi e non al meglio.

radja nainggolan 1

Ma soprattutto, si comincia anche a parlare di una cessione nella sessione invernale di calciomercato che avrebbe del clamoroso: il giocatore è arrivato come rinforzo anche per gestire il doppio impegno tra Champions League e campionato, che adesso non c’è più. Dovesse a gennaio arrivare un’offerta «indecente» dalla Cina – come lo scorso anno dal Guangzhou alla Roma –l’Inter si siederebbe e la ascolterebbe. Anche per questioni di bilancio e di caselle Uefa: l’uscita dalla lista di un acquisto da 39,2 milioni permetterebbe di inserire uno tra Joao Mario e Gagliardini, oppure un nuovo giocatore.

Leggi sull’argomento: Manovra: professioni sanitarie senza titolo? Fatto!