Opinioni

Coronavirus: tante piccole tessere che ricompongono il puzzle

Il Coronavirus ci dà tutta una serie di notizie che ci permettono di focalizzare meglio la realtà che ci circonda. La prima è che la mortalità a Marzo è molto aumentata nel Nord, ma è anche diminuita nel Sud. Roma addirittura registra un calo del -9,5%. Quali le ragioni? Forse che la Capitale è una realtà molto stressante, a livello automobilistico, e stare a casa abbia fatto bene alle coronarie dei romani? Che l’emergenza Covid abbia bloccato le normali attività mediche, e senza ospedali e medici di base il romano sia vissuto meglio? Vediamo i dati di Aprile sia per capire se il trend sarà confermato e sia per avanzare ipotesi più fondate su questo calo di mortalità.

diffusione contagio regione per regione
La diffusione del contagio regione per regione (La Stampa, 30 aprile 2020)

Forbes ha pubblicato una classifica dei migliori 40 paesi che hanno adottato la stategia migliore per contrastare il contagio. Non c’erano né Italia né Cina. Mi è sembrato ingiusto. La Cina ha avuto il grande merito di aver isolato il nuovo ceppo virale. L’Italia ha avuto il merito di capire che le indicazioni sanitarie date dall’OMS e dalla Cina erano tragicamente errate e di aver individuato protocolli di cura efficienti. Certo, non abbiamo brillato in organizzazione (anzi lì abbiamo combinato disastri) e non siamo stati di certo un modello per nessuno (come ha temerariamente affermato Conte). Però, come Popolo, dovremmo imparare a difendere il nostro onore.

indice contagio regioni italiane r0 erreconzero
L’indice di contagio nelle regioni italiane (Corriere della Sera, 6 maggio 2020)

La Corte Costituzionale tedesca ha ribadito che la Costituzione tedesca (la così detta Legge Fondamentale) è superiore al diritto comunitario e che la BCE, de facto, deve dipendree dalla Bundensbank. Brutti segnali per noi. Temo che se non ripartirà la nostra economia, potremmo avere un destino deciso dalla troika. In ogni caso, l’Europa non può andare avanti su basi come questa. Un sogno comunitario non può basarsi né su “egoismi” e né su stati cicala.

corte costituzionale germania bce qe pepp

I tecnici, in Italia, continuano a collezionare figure pessime. Le hanno fatte all’epoca del governo Monti, le continuano a fare all’epoca del Covid. I virologi dicono una cosa e poi il suo contrario nel giro di pochi giorni. Il capo della Commissione Tecnica, Colao, a quanto dicono, è rimasto a Londra e non si è degnato di venire in Italia a vedere di persona come vadano le cose (cosa che a me pare scandalosa). Le idee della Commissione Tecnica per far ripartire l’Italia (se sono quelle scritte dalla stampa) mi sembrano abbastanza bizzarre (ma forse sono io che non le capisco): tipo dimezzare l’orario lavorativo a parità di stipendio (e chi paga? Il datore di lavoro? Lo stato? Pantalone? La BCE? La Bundensbank? E dove sono i soldi?) e tipo l’idea di un superbonus edilizio del 110% ( e chi perderà l’occasione di rifarsi gratis la casa? E di nuovo dove sono i soldi?). Ma non solo è Colao che non brilla. Abbiamo, infatti, una fase 2 light a causa di modelli matematici (ahahah!!) che sembrano sovrastimare mostruosamente il numero di pazienti in terapia intensiva e che nessuno ritiene doveroso spiegare come funzionano. Ma forse il massimo del ridicolo è stato raggiunto con l’app Immuni. Ben 74 (!!!) esperti hanno scelto un’azienda che è una start up italiana (l’app è una infrastruttura critica, quindi non deve cadere in mani straniere), apparentemente senza esperienza nello specifico campo (almeno appare così dal sito web dell’azienda). L’obiettivo era utilizzare tecnologia bluetooth per evitare il GSM che avrebbe violato la privacy. Da quello che trapela (anche qui zero trasparenza) risulterebbe che si appoggiieranno a Apple e Google (ma l’App non doveva essere tutta italiana?) e sembrerebbe sarà utilizzata la tecnologia GSM. Se le cose stessero effettivamente così, è come se fosse stata bandita una gara fra ditte italiane per fare la TAV della Valle di Susa e avesse vinto un piccola impresa edile senza apparenti conoscenze nel campo, che, si dice, appalterà la gran parte del lavoro a una ditta straniera e preferirebbe traforare il Gran Sasso invece che il Monte Bianco… Ma su che base i 74 prodi esperti avranno scelto l’offerta della Bending Spoons? Ad esempio, Engineering aveva già realizzato una piattaforma utilizzata con successo dal Veneto. Non si sarebbe potuto adottare quella soluzione?

app immuni tracciamento
L’App Immuni (Corriere della Sera, 22 aprile 2020)

Ho scoperto inoltre che all’Accademia di Livorno mi hanno insegnato cose errate ( o forse sono stato io che le ho capite male) sulla Costituzione. Nel periodo del mio corso da allievo ufficiale nel Corpo dei Commissari di bordo, ho duvuto studiare i primi rudimenti di Legge. Nella reminiscenze dei miei lontani ricordi, ero convinto che gli articoli della Costituzione fossero una fonte primaria di diritto. Invece adesso ho la contezza che i DPCM possono sospendere per un po’ la libertà personali sancite dalla Costituzione. Ho però la magra consolazione di non essere l’unico ignorante in materia. Ad esempio anche Sabino Cassese aveva maturato questa errata convinzione.

papa francesco urbi et orbi indulgenza plenaria coronavirus

Infine in questi giorni si è assistito a un certo interventismo del Papa nelle faccende politiche dell’Italia. Ma l’Italia non dovrebbe essere un paese laico? In questo attivismo papale uno inizia ad analizzare un po’ meglio la figura papale. E’ chiaro che il Papa argentino è stato scelto perché l’Europa non è più il motore proncipale del cattolicesimo e quindi un Pastore Latino-Americano sembrava perfetto. Ma il Papa è anche vescovo di Roma e la struttura sociale dell’Italia è decisamente diversa dal quella del SudAmerica. Gli ultimi in Ameria Latina sono la maggioranza. Da noi gli ultimi non sono autoctoni (sono i migranti, i Rom).Da noi la maggioranza è fatta di penultimi. Che non hanno (ancora) bisogno di carità e di una Chiesa sempre più simile ad una grande ONG, ma hanno bisogno di un forte supporto spirituale (ossia fede e speranza) per poter affrontare le difficoltà della vita. Supporto che la Chiesa attuale sembra avere grandi difficoltà ad erogare. Inoltre il Papa ha una formazione diversa da quella tipica di un cristiano italiano (o almeno da quella che io ho ricevuto) e questa è una critcità non che non sempre viene superata dalla grande carica umana connaturata a Papa Francesco. Infatti, il Papa nella sua esperienza pastorale sembra che abbia avuto molto a che fare con gli evangelici (che pare stiano conquistando il Sud America). Questa “attrazione” sembra confermata dal fatto che Papa Francesco, in visita pastorale a Napoli, abbia fatto visita, presso la sua abitazione, ad un pastore protestante di nome Traettino. In alcune forme di esperienze evangeliche , l’elemento dell’ assistenza ai bisognosi è dominante (in particolare in Italia quest’aspetto lo si trova nei  gruppi valdesi e metodisti, che sono tra loro coordinati). Credo che il potersi e volersi prodigare in questa attività sia per loro segno della grazia divina. In qualche modo sono vicini agli arminiani e ai semipelagiani e dunque sostanzialmente anche  al pensiero di teologi gesuiti come Suarez , nel quale il Papa si è probabilmente formato. D’altronde l’utopia di un regno dei cieli in terra non era presente nelle esperienze settecentesche gesuitiche in Paraguay? Gli evangelici, a differenza dei calvinisti (vicini in questo al pensiero agostiniano) non credono nella predestinazione. Insomma, in questi giorni di lockdown, uno perfino trova il tempo di ragionare su argomenti teologici nonostante la propria crassa ignoranza su questi temi e che l’argomento sia estremamente scivoloso Infatti immaginatevi lo stupore e l’orrore di metodisti e valdesi ad essere assimilati a semipelagiani o peggio a gesuiti come Suarez nella sua teoria della grazia divina. Per molto meno, in altri tempi, uno sarebbe finito al rogo…

Leggi anche: Andrea Scanzi e Conte che se ha un difetto è quello di dire troppo la verità

Vincenzo Vespri

Vincenzo Vespri è professore di matematica all’Università degli Studi di Firenze Oltre ad essere un professore universitario di Matematica che vede con sgomento l'università italiana andare sempre più alla deriva, sono anche un valutatore di progetti scientifici ed industriali (sia a livello italiano che europeo). Vedere nuove idee, vedere imprese che nascono, vedere giovani imprenditori che per realizzare le proprie idee combattono fatiche di Sisifo contro il sistema paleo-burocratico e sclerotizzato, è un' esperienza tipo Blade Runner: " Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser".