Trend

"Siete delle mer*e", la rabbia di Briatore verso chi ha esultato per il Twiga distrutto | VIDEO

neXt quotidiano|

Twiga Briatore

La forte e violenta ondata di maltempo che nella giornata di ieri, giovedì 18 agosto, si è abbattuta lungo la costa occidentale dell’Italia – concentrandosi in modo particolare tra Liguria e Toscana – ha provocato moltissimi danni. Tra Lucca e Carrara, oltre ad alberi caduti e forte vento che ha scoperchiato case, ci sono state anche due vittime. A Sestri Levante e Lavagna, la grandine ha devastato strade, automobile e palazzine. Tra le zone più colpite c’è anche il lungomare toscana, con il “Twiga” – il noto stabilimento e locale di Daniela Santanché e Flavio Briatore – semi-distrutto dal maltempo. E l’imprenditore attacca chi, suoi social, ha esultato per quanto accaduto.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)

Twiga distrutto, la rabbia di Briatore contro chi ha esultato

Attraverso un video pubblicato sul suo canale Instagram, direttamente dallo stabilimento di Marina di Pietrasanta, in Versilia, Flavio Briatore non usa mezzi termini per etichettare chi ha esultato dopo aver visto le immagini condivise dalla senatrice di Fratelli d’Italia Daniele Santanchè:

“Una tromba d’aria ha distrutto metà Twiga. Abbiamo fatto felici un mucchio di persone, sfigati… Tanti sono felici delle disgrazie che capitano agli altri. Ci rimbocchiamo le maniche e riapriamo. Vedere distrutto in poche ore il lavoro di mesi fa piangere il cuore. Gli sfigati contenti perché il Twiga ha perso 20 o 50 tende non vanno considerati: sono delle mer*e”.

Il Twiga è solo la vittima più eccellenti di questa ondata di maltempo che si è abbattuta sulla Toscana. Perché, come ricorda Briatore nel suo video, anche molte altre spiagge e bagni della zona della Versilia (ma anche in Liguria la devastazione è stata pesante) hanno subito ingenti danni. Il forte vento e la pioggia, infatti, non hanno provocato solo l’innalzamento della marea, ma hanno fatto volare via e disperdere anche cabine, sdraie, lettini e ombrelloni.