Fact checking

Beppe Grillo molla il simbolo del MoVimento 5 Stelle?

Ieri è stato il suo compleanno. Ma a quanto pare quando il Direttorio è arrivato a Genova non si è parlato di regali. Ma di completare quel passo di lato finora riuscito a metà. Come tutti sapete, finora, statuti e statutini alla mano, Grillo non comanda nel MoVimento 5 Stelle: si limita ad avere diritto di vita o di morte su chi vi partecipa. Ovvero: non decide la linea politica di tutti i giorni ma può decidere di sbattere fuori qualcuno dal M5S: il potere più grande lo ha lui. E da un grande potere derivano grandi responsabilità, come nel mondo dei supereroi: una di queste è che le associazioni che governano i Cinquestelle sono i responsabili legali ultimi di quanto fatto in loro nome e conto. E ciò significa che in caso di richiesta di risarcimento sono loro a dover pagare.

Beppe Grillo molla il simbolo del MoVimento 5 Stelle?

Ma questo da un momento all’altro potrebbe diventare acqua passata. La sentenza del Tribunale di Napoli che dopo quello di Roma ha dato ragione ai ricorsi degli espulsi, ha messo in difficoltà i vertici pentastellati costretti a rivedere le proprie norme interne. Il non statuto dovrà diventare uno statuto vero e proprio, con un regolamento su cui la base da oggi sarà chiamata a votare sul blog di Grillo. Spiega oggi Ilario Lombardo sulla Stampa:

Il capitolo più delicato resta quello delle epurazioni. Non è sicuro che le nuove regole avranno valore retroattivo sulle passate espulsioni. Grillo lo sa bene e ha intuito quali potranno essere le conseguenze, soprattutto economiche. Con centinaia di espulsi con cui fare i conti, i ricorsi potrebbero essere a valanga, e i risarcimenti pure. E neanche a lui sarà sfuggita la voce di parlamentari e attivisti pronti a chiedere i danni. «Ragazzi – è il senso del suo ragionamento – sono io che ci vado di mezzo, e a me che chiederanno i risarcimenti». Il comico, che già ha speso tanto, in soldi e in sforzi personali, per il Movimento, non vuole rimetterci più di tasca propria. Ecco perché ha chiesto una revisione del proprio ruolo di leader. Oggi Grillo è garante delle regole del Movimento e presidente dell’Associazione da cui origina il M5S registrata nel 2013 davanti a un notaio di Cogoleto.

beppe grillo garante m5s
E così, progressivamente, la titolarità legale e le responsabilità normative potrebbero passare all’Associazione Rousseau, a cui potrebbe finire anche la proprietà del simbolo, ancora in mano a Grillo. Anche Emanuele Buzzi sul Corriere della Sera fa notare che il progetto è sul tavolo, con una variante: quella del simbolo.

Capitolo a parte merita la proprietà del simbolo: anche in questo caso i parlamentari — con l’ingresso nell’associazione — ne diverranno in qualche modo comproprietari. Ma esiste anche l’idea di cedere la proprietà a Rousseau (il cui logo è stato registrato dalla Casaleggio Associati). Una novità parziale, visto che già nel corso della kermesse Italia 5 Stelle a Imola, Grillo aveva dichiarato la volontà di donare al Movimento il logo. Non è un caso che proprio ieri il nuovo simbolo del M5S — quello che non comprende più il nome di Grillo — abbia terminato il suo iter di registrazione all’ufficio marchi europeo e che ora l’Associazione possa gestirne il suo destino fino al 2025. Quello che è certo è che tra deputati e senatori sta serpeggiando una suggestione: quella di legare il possesso del simbolo al futuro candidato del Movimento alla presidenza del Consiglio.
Sarebbe un modo per rafforzare all’interno e all’esterno del M5S la leadership e dare così maggior peso alle decisioni di chi si troverà a guidare politicamente i pentastellati. L’altro punto fermo è la volontà di creare uno status quo inscalfibile tra le varie compagini che regolano la vita del Movimento. Uno status quo all’insegna dell’equilibrio tra i due poli, Milano e Genova. Da un lato, quindi, l’Associazione Rousseau (che con trolla il sistema operativo cuore del Movimento) con Davide Casaleggio e i due fedelissimi Max Bugani e David Borrelli, dall’altro l’Associazione Movimento 5 Stelle che di fatto con Grillo e ora i parlamentari è un perno della vita politica dei Cinque Stelle. Un patto tra il garante e l’imprenditore per rendere stabile e indipendente la struttura del M5S.

Beppe Grillo e il valore del voto

Si voterà quindi sul blog di Grillo per validare questo sistema. Ma, come abbiamo spiegato, il rischio è che il voto poi non sia valido. In primo luogo la mera funzione di ratifica (il quesito sarà del tipo sì o no) non è una decisione assembleare. L’assemblea si deve riunire per discutere e deliberare, non per approvare un testo già pronto preparato dagli avvocati del Movimento (quello del 2013). Da un punto di vista teorico poi non sono Grillo, i suoi legali o il Direttorio a poter fare modifiche allo statuto ma l’assemblea degli iscritti alla quale è necessario partecipi almeno i tre quarti degli aventi diritto (ecco perché Grillo parla della partecipazione del 75%). Certo, nemmeno il PD riunisce in assemblea tutti i suoi iscritti ma il PD – contrariamente al Movimento – prevede nel suo statuto l’esistenza dei delegati, ovvero iscritti che ricevono la delega a rappresentare un certo numero di iscritti.A quanto pare il partito della democrazia in Rete si scontra con problemi molto reali. Peccato che continui a non volerli affrontare.

Leggi sull’argomento: Perché il M5S modifica il regolamento interno