Fact checking

L'allarme su Whatsapp per la droga a forma di orsacchiotto

droga orsetti rosa ecstasy allarme whatsapp - 1

L’allarme si diffonde rapido tramite WhatsApp nei famigerati gruppi dei genitori. Qualcuno sta regalando delle caramelle a forma di orsacchiotti rosa ai bambini. Ma quelle non sono caramelle: è droga! Sembra incredibile ma qualcuno ci sta credendo e il messaggio è stato condiviso ovunque. Quindi secondo l’Internet davanti ad ogni scuola ci sarebbero uno o più spacciatori che regalano droga ai bambini.

La storia dell’ecstasy spacciata ai bambini

Ovviamente questo è impossibile, perché gli spacciatori la droga non la regalano, nemmeno ai bambini. L’ipotesi che fuori da ogni scuola si aggirino folle di spacciatori che regalano “caramelle di droga a forma di orsacchiotto” è quindi quantomai inverosimile. Il fatto che da anni le pasticche di ecstasy vengano prodotte nelle forme più varie non significa che sia una scelta voluta per avvicinare i bambini alle droghe.
droga orsetti rosa ecstasy allarme whatsapp - 2
Eppure su WhatsApp e su Facebook ci sono persone che raccontano di aver “ricevuto informative” dalle forze di Polizia. Oppure che riportano la testimonianza di un genitore che avrebbe visto quelle caramelle rosa a forma di orsacchiotto all’uscita dalla scuola. Invariabilmente le scuole “bersaglio” di queste operazioni di spaccio tra i bambini.

Non esiste alcun allarme specifico riguardo alla droga a forma di orsacchiotto

Si tratta però di un falso allarme, una di quelle balle che ciclicamente continuano a tornare a galla. La stessa identica foto viene utilizzata per avvertire gli utenti inglesi dello stesso pericolo. Pare che la paura per le caramelle di droga si sia diffusa dopo un caso di intossicazione di alcune ragazzine britanniche di tredici anni che avrebbero assunto le “teddy bear pills”. L’episodio è avvenuto ad inizio marzo a Manchester. In un articolo del Sun compare proprio la foto di alcune pasticche a forma di orsacchiotto.
droga orsetti rosa ecstasy allarme whatsapp - 3
Come è facile intuire nessun genitore italiano ha visto quella bustina o quelle pasticche di ecstasy. Quindi tutti gli allarmismi sul pericolo che i nostri figli tornino a casa con la droga credendo di tratti di caramelle è assolutamente ingiustificato.