La macchina del funky

Umberto Veronesi, Vandana Shiva e gli Ogm

Vandana Shiva rampini

Umberto Veronesi oggi su Repubblica prende posizione sulla polemica degli Organismi geneticamente modificati, dopo Elena Cattaneo e la polemica su Vandana Shiva:

Negli Stati Uniti hanno trovato il modo di inserire un gene nel mais che lo rende resistente alla piralide, senza dover utilizzare gran quantità di pesticidi, che possono essere comunque tossici per l’uomo. Un intervento ottimo per l’economia e la salute,che però nel nostro Paese non ha potuto essere realizzato. Perché? È una questione di cultura, appunto, che deve sempre accompagnare il progresso della scienza perché i suoi risultati non appaiano lontani dal fine ultimo della ricerca scientifica, che è il miglioramento della qualità di vita dell’uomo.Se questo fine è ben chiaro, appare assurdo opporsi per principio all’applicazione della genetica in agricoltura e sembra invece ragionevole studiare, per ogni prodotto cosiddetto Ogm, il rapporto rischio beneficio.Spero che il dibattito aperto suqueste pagine dia un contributo significativoin questa direzione.

Leggi sull’argomento: Quelle strane somiglianze tra l’intervista di Rampini e il blog di Vandana Shiva