Politica

Trump e le iniezioni di disinfettante per proteggersi dal Coronavirus

La parte più divertente della vicenda è l’espressione stupefatta della dottoressa Deborah Birx, la White House Coronavirus Response Co-ordinator, quando Trump spiega la sua teoria bislacca. La dottoressa lo guarda mentre sulla sua faccia si dipinge un’espressione molto simile al WTF

Ieri Donald Trump ha suggerito la possibilità di sottoporre i contagiati dal Covid-19 a iniezioni di disinfettante come deterrente al virus. Il capo della Casa Bianca ha avanzato la teoria dopo la presentazione in conferenza stampa di uno studio che dimostra come il Coronavirus non viva a lungo a temperature più calde e muoia velocemente alla luce del sole. Da qui, l’ipotesi di Trump che si è chiesto se sia possibile portare la luce “all’interno del corpo umano”.

Trump e le iniezioni di disinfettante per proteggersi dal Coronavirus

“Supponiamo di colpire il corpo con una luce pazzesca, che siano ultravioletti o solo una luce molto potente, non credo che questo sia stato sperimentato nei test”, ha affermato Trump rivolgendosi a Bill Bryan, a capo della divisione scienza e tecnologia del dipartimento della Sicurezza Interna, il cui gruppo ha portato avanti la ricerca. Il presidente americano è poi andato avanti con la sua teoria, puntando sul fatto che “il disinfettante lo elimina in un minuto”. “Esiste un modo in cui possiamo fare qualcosa del genere tramite un’iniezione all’interno o quasi una pulizia? Entra nei polmoni, in un numero enorme di polmoni, quindi sarebbe interessante verificarlo”, ha sottolineato. Medici ed esperti hanno subito denunciato le affermazioni come improprie: “L’idea di iniettare o ingerire qualsiasi tipo di prodotto disinfettante nel corpo è irresponsabile e pericolosa”, ha affermato l’esperto pneumologo Vin Gupta, ricordando che “è un metodo comune che le persone usano quando vogliono uccidersi”.

donald trump iniezioni disinfettante coronavirus

Ma la parte più divertente della vicenda è l’espressione stupefatta della dottoressa Deborah Birx, la White House Coronavirus Response Co-ordinator, quando Trump spiega la sua teoria bislacca. La dottoressa lo guarda mentre sulla sua faccia si dipinge un’espressione molto simile al WTF, poi a ogni parola del presidente americano sembra prendere uno schiaffo o una botta e sembra sempre più sorpresa e disgustata. La BBC ha raccontato che durante la conferenza stampa Trump si è rivolto a Birx chiedendole se avesse mai sentito di questa cura. Lei se l’è cavata con un no molto diplomatico: “Non come trattamento”, ha detto, “Voglio dire, certamente, la febbre è una buona cosa, quando hai la febbre aiuta il tuo corpo a rispondere. Ma non ho mai sentito parlare di calore o luce”. E non avete ancora sentito che ideone ha TheDonald per l’amuchina!

Leggi anche: «Lo Stato chiede ai bergamaschi i soldi per le cremazioni». Ma è il listino del comune leghista di Ferrara