Politica

Torino, la Lega in piazza per dire sì alla TAV

lega sì tav piazza castello

“Rispettiamo gli impegni assunti con M5S, che ha chiesto un approfondimento sulle modalità di realizzazione dell’opera attraverso un’analisi costi e benefici, ma ribadiamo con forza che l’opera va realizzata”. Lo affermano i parlamentari della Lega eletti in provincia di Torino, che oggi sono presenti in piazza Castello alla manifestazione per dire sì alla TAV organizzata dopo le prese di posizione del MoVimento 5 Stelle a Roma e in città sull’Alta Velocità.

Torino, la Lega in piazza per dire sì alla TAV

“La nostra partecipazione alla manifestazione è innanzitutto un segno di rispetto e di attenzione verso il mondo produttivo e imprenditoriale piemontese che oggi ha deciso di scendere in piazza e che manifesta evidentemente un disagio”, scrivono nella nota rilasciata alla stampa in mattinata. In piazza Castello, per la Lega, sono presenti i parlamentari Elena Maccanti, Gualtiero Caffarrato, Marzia Casolati e Alessandro Benvenuto. “Siamo parlamentari eletti in provincia di Torino, rappresentiamo una forza politica di governo che vuole dialogare. Siamo favorevoli alle grandi opere e riteniamo la linea Torino-Lione fondamentale e strategica per il Piemonte e per tutto il paese”, aggiungono gli esponenti del Carroccio.

torino piazza castello tav

Secondo gli organizzatori, sono oltre 15 mila i partecipanti ancora prima che la manifestazione abbia inizio. “Sarà una manifestazione in tono civile, positivo e pacifico, ma fermo”, è la promessa degli organizzatori. “Torino scende in piazza per dire tanti sì – a partire da quello per la Tav – che sappiano interpretare i bisogni della gente e che riscrivano il futuro di una città e di una regione”, spiegano gli organizzatori. Un camion scoperto sarà il palco della manifestazione. Vi saliranno le sette donne del Comitato Sì, Torino va avanti, Mino Giachino, promotore del Sì Tav- Sì Lavoro, Gianmarco Moschella, studente di Economia, e Guglielmo Nappi, studente di Ingegneria dell’AutoVeicolo.

Foto copertina di Marco Zatterin su Twitter

Leggi sull’argomento: L’ultima fregnaccia di Virginia Raggi