Rassegna Stampa

L'assurdo titolo di Libero sulla morte della Regina Elisabetta

@neXt quotidiano|

Titolo Libero Regina Elisabetta Sallusti Giletti

La “sensibilità” non è la virtù principale del quotidiano fondato da Vittorio Feltri. Lo ha dimostrato in tantissime occasioni (con tanto di condanne, come nel caso della prima pagina dedicata a Virginia Raggi) e gli archivi storici di questa testata sono infarciti di esempi simili. E questa lunga collezione si arricchisce, oggi, con il titolo di Libero sulla morte della Regina Elisabetta. Un gioco di parole del tutto fuori luogo, visto l’evento funebre.

Titolo Libero Regina Elisabetta

Titolo Libero Regina Elisabetta, l’assurdo gioco di parole

“Elisabrexit”. Una crasi per cercare di fare della mera ironia titolistica per dare la notizia della morte della Regina Elisabetta: il suo nome unito al concetto di “Brexit”, quel programma che negli scorsi anni ha portato la Gran Bretagna a lasciare l’Unione Europea. E questa scelta, ovviamente, sta già provocando moltissime reazioni e le inevitabili polemiche.

E a corredo di tutto ciò c’è anche un editoriale, sempre in prima pagina sotto il titolo Libero Regina Elisabetta, firmato dal fondatore del quotidiano, Vittorio Feltri, in cui sostiene che le “femministe” debbano imparare dalla monarca appena deceduta. E la sua “analisi” su questo tema parte dalla capacità della monarca britannica di saper abbinare i colori dei suoi vestiti (e dei suoi cappelli) nel corso delle sue apparizioni pubbliche. Insomma, la prima pagina di Libero di oggi è uno spaccato di banalità e tentativi di ironia (neanche malcelata) del tutto fuori luogo visto l’evento. Una bella differenza rispetto a tutte le altre testate che, a prescindere da cosa si pensi di una monarchia, hanno scelto di omaggiare in modo sobrio e più consono la memoria di una donna appena scomparsa che ha fatto la storia dell’Occidente.