Opinioni

Il servizio del Tg2 che dichiara guerra alla Francia

@dipocheparole|

È l’ora delle decisioni irrevocabili (cit.) e anche il momento in cui il popolo dei cinque pasti dei mangiarane (cit.) paghi il fìo de na mign delle sue colpe di fronte alla storia, alla geografia e pooo popopopopopooooooo pooooooooooo. Il Tg2 di Gennaro Sangiuliano, il giornalista ammiratore di Almirante portato a viale Mazzini da Augusto Minzolini e diventato luogotenente di Matteo Salvini, lo dice chiaro e tondo in un servizione firmato da Milena Pagliaro che comincia con un’esclamazione chiara e tonda: “Ah! Les Italiens!“, “melliflua quanto irritante perché suona come immotivata superiorità”. E via andare poi con Macron in difficoltà nei sondaggi che se la prende con l’Italia buona e cara sì, ma ogni limite ha la sua pazienza, diceva quello.

La giornalista Pagliaro, con l’equilibrio tipico di chi ha studiato alla grande scuola della BBC, fa sapere che “senza rivendicare Nizza o Savoia, la Gioconda oppure le spoglie di Napoleone, l’Italia chiede rispetto”, e per ricordargli chi comanda ecco la testata di Zidane, i calci di rigore, l’apoteosi, la vittoria, il trionfo.

pene piccolo macron di stefano

Purtroppo la necessaria sintesi ha fatto saltare l’ultima parte del servizio, quella in cui il sottosegretario Di Stefano ricordava che chi ha il pene piccolo non è che può permettersi di criticare gli altri. Sarà per la prossima dichiarazione di guerra. Che sarà fatta come le altre: con audacia e sprezzo del ridicolo.

Leggi sull’argomento: Il debito italiano? È in gran parte in mano alla Francia