Politica

«Speriamo che Casaleggio trucchi il voto su Rousseau»

rousseau voto pannello di controllo - 3

Federico Capurso racconta oggi su La Stampa l’irritazione e l’ironia dei parlamentari grillini, che arrivano ad augurarsi scherzosamente che Casaleggio trucchi il voto su Rousseau per far passare un accordo che ora sembra davvero lontano:

Nelle chat interne di alcune correnti M5S, tra cui quella fichiana e quella di un gruppo di senatori critici, Di Maio viene indicato più volte come «egoista», «irresponsabile», un capo che «pensa a sé, non al Movimento né al Paese». I fedelissimi del capo tentano di gettare acqua sul fuoco. Il capogruppo al Senato Stefano Patuanelli tiene a galla un’intesa che si stava smontando. Poi i fedelissimi del capo fanno girare la voce secondo cui all’incontro serale con gli esponenti del Pd, durante il quale avrebbero voluto affrontare i 20 punti del programma, «loro non avevano la delega a parlare di temi, ma solo di poltrone».

Poi, inizia a essere veicolato un pensiero dello stesso Di Maio, pensato perché le truppe ascoltino: «A me non interessa fare il vicepremier – ha detto ai suoi -. Deciderà Conte. Il mio obiettivo è portar avanti i venti punti». Punti che, secondo un deputato vicino al leader, sarebbero «il frutto del lavoro di tutti quei parlamentari che ora lo stanno attaccando. Magari parlano così tanto solo perché vogliono tenersi stretta la poltrona».Il Movimento, ormai, è in guerra permanente contro se stesso.

casaleggio monopattino

Nel caos, tornano a far paura le sirene leghiste, nonostante il ritorno al gialloverde sia impraticabile. Lo spauracchio di Salvini finisce per incombere persino sul voto online che prenderà corpo sul sito web Rousseau, di Davide Casaleggio. I vertici del movimento, infatti, tengono alto il timore di una bocciatura dell’accordo sulla piattaforma. «Ci sono tanti ex del Movimento, passati alla Lega ma ancora iscritti a Rousseau, che potrebbero inquinare il voto», sostiene un deputato del Nord passeggiando all’ombra della Camera. «Speriamo solo che Casaleggio trucchi il voto e faccia passare l’accordo». Scherzava. Ma neanche tanto.

Leggi anche: C’è Di Battista dietro la sbroccata di Di Maio?