Politica

Il sondaggio SWG: gli elettori del M5S vogliono la Lega

programma lega m5s convergenze - 8

Il Messaggero riporta oggi i risultati di un sondaggio SWG – con un campione di mille intervistati, come quello dell’Istituto Noto pubblicato dal Fatto Quotidiano – in cui si chiede agli elettori di alcuni partiti di indicare le loro preferenze riguardo le possibili alleanze nel nuovo Parlamento. In base ai numeri di SWG gli elettori del Partito Democratico in grande maggioranza non vogliono alleanze con nessuno dei vincitori alle ultime elezioni, mentre per il 16% dovrebbe partecipare al governo con il MoVimento 5 Stelle e per il 19% dare solo un appoggio esterno. Per gli elettori del M5S invece i grillini dovrebbero fare un governo con la Lega (32%), mentre per il 28% bisognerebbe inseguire l’ipotesi di un governo con il Partito Democratico. La stessa percentuale non vuole un governo né con l’uno né con l’altro.

sondaggio m5s lega

Per i leghisti invece Salvini dovrebbe guidare il governo cercando i voti in parlamento (53%) anche se una robusta minoranza (il 31%) vuole invece il governo con il MoVimento 5 Stelle. «Dalla radiografia degli elettori pentastellati emerge un quadro piuttosto frastagliato – spiega al Messaggero Enzo Risso, direttore SWG – Se la leggera predisposizione verso il centrodestra indica che la maggioranza dell’elettoraro grillino viene da quell’area politica, si può affermare che gran parte delle persone che hanno votato M5S sono ormai totalmente post-ideologiche». L’altra considerazione che Risso fa sui primi segni di evoluzione post voto dell’elettorato pentastellato è che la sua larga maggioranza (circa il 60%)considera inevitabile scendere a patti. «E’ un po’ come se stessero facendo i conti con la realtà», sottolinea Risso. Anche Piazzapulita ha pubblicato un sondaggio giovedì scorso, focalizzando l’attenzione sugli elettori del Partito Democratico.

m5s pd sondaggio elettori 3

I numeri di Index Research, anche se non è specificato il campione, sono piuttosto chiari.

Leggi: Chi si somiglia si piglia: quanto hanno in comune i programmi di Lega e MoVimento 5 Stelle