Politica

Il sondaggio su Giuseppe Conte

La popolarità del presidente del Consiglio resta maggioritaria. Quasi il 60% degli italiani (intervistati) ritiene, infatti, che questo governo durerà a lungo. Oltre un anno, secondo il 22%. Fino al 2023, cioè, a fine legislatura, secondo il 36%

sondaggio oggi giuseppe conte scuola 14 settembre

Ilvo Diamanti su Repubblica illustra oggi i risultati di un sondaggio di Demos & PI sulla figura del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, la cui popolarità resta largamente maggioritaria. Intorno al 60%, nelle ultime settimane, dopo aver raggiunto il 70% in febbraio, quando la pandemia è  scoppiata.

Questo clima d’opinione non sembra cambiare, secondo i dati del sondaggio di Demos per Repubblica, condotto nelle scorse settimane. Al contrario, il favore verso il Premier sembra consolidarsi, in prospettiva futura. Quasi il 60% degli italiani (intervistati) ritiene, infatti, che questo governo durerà a lungo. Oltre un anno, secondo il 22%. Fino al 2023, cioè, a fine legislatura, secondo il 36%.

Così, coloro che prevedono (e auspicano) una conclusione più rapida, non superiore a un anno, si riducono di oltre 10 punti, in meno di un anno. Oggi sono poco più di un terzo. D’altra parte, vista l’instabilità dei consensi, è difficile indicare quali forze politiche possano accelerare il cammino verso nuove elezioni.

sondaggio giuseppe conte
La serie storica delle valutazioni sul governo (La Repubblica, 29 giugno 2020)

In questa ottica,  quasi il 60% (una quota analoga, non per caso coerente, con la previsione di lunga durata per il governo) in futuro lo vorrebbe impegnato, nella politica e nelle istituzioni. Anche se in ruoli e posizioni diverse.

Come leader di un partito già presente, oppure come attore (e) protagonista di un partito “personale”. Il PdC. Ipotesi sostenute e auspicate, in entrambi i casi, dal 17-18% di cittadini. Che salgono al 31%, fra gli elettori, di FI. Alla ricerca di una nuova “residenza”, visto il rapido degrado della casa dove “stazionano” attualmente. […]  È interessante, così, osservare come un settore limitato, ma significativo, di elettori, il 6%, lo vorrebbe Presidente della Repubblica. Sopra e oltre i partiti.

sondaggio giuseppe conte 1
Il sondaggio di Demos & PI sul futuro di Conte (La Repubblica, 29 giugno 2020)

Un’ipotesi sostenuta, anzitutto, dagli elettori del M5s, il (non) partito che l’ha proposto. Dis-orientati in questa fase, più del solito, viste le tensioni interne. Nell’epoca dei partiti personali e, comunque, personalizzati, il M5s appare, infatti, un campo diviso fra diversi contendenti. Di Maio, Crimi, Di Battista. Oltre a Grillo, che incombe e interviene, insieme a Casaleggio. Titolare dell’azienda-partito. È comprensibile, dunque, che un ampio settore della base del M5s lo immagini protagonista nel proprio campo.

Leggi anche: La contestazione a Fontana a Bergamo