Politica

Sondaggi, il centrodestra cresce ma non basta

centrodestra sondaggi

Anche le ultime rilevazioni dei sondaggi per le elezioni politiche 2018 danno una situazione di sostanziale stabilità, dove il consenso tra centrosinistra e centrodestra è sostanzialmente stabile mentre è in lievissima crescita quello del MoVimento 5 Stelle; a sei settimane dal voto il distacco tra il centrodestra e gli altri appare incolmabile e potrebbe essere anche destinato ad allargarsi. Il sondaggio EMG Acqua pubblicato oggi dal Giornale dà in crescita i grillini dello 0,2% mentre il centrodestra è a +0.1% e il centrosinistra a +0,2%.

sondaggio 1
Il sondaggio di EMG Acqua pubblicato da Il Giornale

Anche la rilevazione dell’Istituto Noto per Cartabianca dà numeri molto simili, a parte una lieve crescita del MoVimento 5 Stelle che rimane comunque nove punti percentuali sotto il centrodestra ma in questo sondaggio è sopra il centrosinistra unito. Stabile anche Liberi e Uguali:
sondaggio 2
Il sondaggio di Cartabianca

Da segnalare anche i risultati delle due coalizioni, che vedono ancora, nel caso del centrodestra, Forza Italia come primo partito e la Lega come secondo: molto staccata è Fratelli d’Italia. La competizione interna al centrodestra è importante perché chi vincerà tra i due potrà decidere il nome del presidente del Consiglio (e Salvini oggi ha aggiunto: anche quello del ministro dell’Economia).

Nel centrosinistra l’apporto di Bonino e Lorenzin si attesta sotto il 3% che sarebbe stato la soglia del proporzionale e quindi l’alleanza con il Partito Democratico si conferma vantaggiosa soprattutto per i piccoli; i Verdi e i Socialisti sono ancora più in basso.

Rispetto al 2013, quando la grande cavalcata di Grillo toccò tutte le città italiane e le finanziarie di Monti collegate con gli scandali dei consigli regionali portarono acqua al mulino dei grillini, questa volta il MoVimento 5 Stelle non sembra riuscire a prendere il via con i ritmi necessari a ottenere il risultato che hanno fissato. Il centrosinistra non ha speranze. Il centrodestra invece è ancora lontano dalla maggioranza in una delle due Camere, cosa che certificherebbe la sua vittoria. Ma ci sono ancora sei settimane per riuscire a guadagnare altri voti.

Leggi sull’argomento: Perché il M5S non avrà l’incarico dopo il voto