La macchina del funky

Quando Salvini tifava Francia contro l’Italia

matteo salvini sede lega

Luca Pagni su Repubblica oggi parla dell’intenzione del ministro degli Interni Matteo Salvini di tifare per la Croazia nella finale dei Mondiali 2018 in Russia: un annuncio che al quotidiano ricorda quando Salvini faceva… l’esatto contrario, ovvero dai microfoni di Radio Padania tifava Francia contro l’Italia per ragioni di leghismo:

Pure col pallone, il ministro dell’Interno dimostra di cambiare posizione in campo a seconda delle opportunità del momento. L’altro giorno ha dichiarato che andrà
a Mosca per la finale della Coppa del mondo dove farà il tifo per la Croazia. Non solo per unirsi al coro dei sovranisti che hanno fatto della nazionale di Zagabria un nuovo simbolo delle politiche nazionaliste da contrapporre all’Unione europea.

Salvini tiferà Croazia anche per proseguire la sua polemica a distanza con il presidente Emanuel Macron: «A me vanno bene tutte, tranne la Francia… Già la simpatia era bassa, ma di recente si è ridotta ancora di più», ha avuto modo di dichiarare. Ma è proprio vero che mai dire mai. In un’altra finale, 17 anni fa,
Salvini non ha avuto problemi a tifare Francia e a esultare senza freni al gol vincente di David Trezeguet che diede ai transalpini la vittoria nel Campionato europeo.

matteo salvini radio padania

La partita era Francia-Italia finale degli Europei del 2000, quella con Zoff in panchina che diede le dimissioni dopo le critiche di Berlusconi:

Ma allora, la finalista per la quale non avrebbe mai gioito era l’Italia, arrivata a 30 secondi dalla vittoria finale e poi beffata dai francesi ai supplementari. Salvini all’epoca era direttore di Radio Padania e organizzò una diretta per gufare contro gli Azzurri, con tanto di telefonate degli ascoltatori, per dileggiare i giocatori allora allenati da Dino Zoff.

Peccato che l’Italia non abbia partecipato ai Mondiali in Russia: sarebbe stato interessante vedere Salvini, da sovranista, tifare Italia.

Leggi sull’argomento: Con il Decreto Dignità 8000 posti di lavoro in meno