Fatti

Roberto Occhiuto, in Calabria vince ancora il berlusconismo

Massimiliano Cassano|

roberto occhiuto presidente regione calabria forza italia

Con la legge elettorale a turno unico che non prevede ballottaggi, in Calabria c’è già – ufficiosamente, in attesa del completamento degli spogli – un nuovo Presidente di Regione: è Roberto Occhiuto, candidato sostenuto dal centrodestra, che dalle prime proiezioni dopo la chiusura dei seggi è dato tra il 46,5% e il 50,5% delle preferenze. Politico, giornalista, titolare di alcune tv private, Occhiuto (52 anni) è nato a Cosenza ed è capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. Oltre agli azzurri, a sostenerlo ci sono anche Fratelli d’Italia, Lega, Udc, Forza Azzurri, Coraggio Italia e Noi con l’Italia.

Il forzista partiva favorito dopo che la regione era già governata da una sua collega di partito, Jole Santelli, deceduta lo scorso 15 ottobre e sostituita dal suo vice in quota Lega Antonino Spirlì. Lo scarto con gli altri candidati è netto: Amalia Cecilia Bruni, sostenuta dal centrosinistra, è inquadrata nella forbice tra il 24% e il 28%, mentre l’ex sindaco di Napoli Luigi de Magistris segue tra il 21% e i 25%. Nelle sue liste anche Domenico Lucano, sindaco di Riace condannato dal tribunale di Locri a 13 anni per associazione a delinquere, abuso d’ufficio, truffa, concussione, peculato, turbativa d’asta, falsità ideologica e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. In fondo il risultato dell’ex governatore calabrese Mario Oliverio, ex Partito democratico e ora a capo di una lista civica, fermo tra l’1,5% e il 3%.

Drammatico il dato sull’affluenza alle urne: fino alle 23 di ieri sera aveva votato soltanto il 30,87% degli aventi diritto. Il tasso di partecipazione maggiore si è registrato in provincia di Catanzaro con il 33,39%. All’ultima tornata, nel gennaio 2020, a mettere la scheda nell’urna fu il 44,43% degli aventi diritto.

Roberto Occhiuto gode di enorme stima da parte di Silvio Berlusconi, che per lui ha speso parole di vicinanza durante la campagna elettorale. Il leader di Forza Italia lo aveva aggregato candidandolo alle regionali in Calabria del 2000: quell’anno ottenne 9 mila preferenze, risultando il più giovane consigliere regionale di Forza Italia.