La macchina del funky

Referendum, Renzi è convinto di vincere largo

sondaggi referendum riforme costituzionali

Matteo Renzi è convinto di vincere il referendum in volata ma con un largo risultato finale. Fabio Martini sulla Stampa racconta e riepiloga oggi cosa sta dicendo il presidente del Consiglio ai suoi fedelissimi riguardo la battaglia del voto del 4 dicembre. Che, secondo lui e ad onta di tutti i sondaggi, compresi quelli clandestini che circolano in queste ore, potrebbe portare a un’insperata vittoria nel rush finale:

Il presidente del Consiglio confida: «Il clima nel Paese sta cambiando». Una sensazione a “pelle”, o invece suggerita dalla lettura di istituti che convergerebbero nel segnalare un “risveglio”, magari timido, del Sì? Impossibile saperlo e comunque scriverlo: nei 15 giorni che precedono le consultazioni elettorali è vietata la pubblicazione dei sondaggi.
E dunque soltanto la notte del 4 dicembre si capirà se negli ultimi giorni si stia concretizzando il fenomeno che Renzi sta preparando da mesi: il cambio del “clima” e delle intenzioni di voto nell’ultima settimana prima del voto, quella nella quale l’approssimarsi della scadenza può indurre scarti significativi. Il presidente del Consiglio ci crede. Lo dice, perché deve dirlo, nei comizi. Ma lo dice anche nelle riunioni ristrette: «Vinciamo largo…». Training autogeno, certo.

Gli ultimi sondaggi sul referendum costituzionale

 

Motivazione delle truppe, certo. Ma Matteo Renzi, dopo aver fatto due mesi fa una apparente autocritica, dicendo che «è stato un errore personalizzare», da quel momento si è reso protagonista della più massiccia partecipazione personale di un presidente del Consiglio ad una campagna elettorale in tutto il dopoguerra. Una campagna permanente fatta di comizi in quasi tutte le province, di una partecipazione senza precedenti a talk show e Tg, di una presenza potenziata sui social network.
Il tutto rafforzato da una presenza capillare, che sta sfuggendo ai media nazionali e che proseguirà anche negli ultimi cinque giorni: interviste a tappeto alle radio e alle tv locali. L’ambizione di una copertura totale, di un “total body”, al quale l’elettore medio è quasi impossibilitato a sfuggire.

Leggi sull’argomento: I sondaggi del referendum dicono no