Politica

Il reddito di residenza in Sardegna

villasalto sardegna reddito di residenza

Dopo il Molise tocca alla Sardegna dare il via al reddito di residenza. L’amministrazione comunale di Villasalto, che attualmente conta meno di mille abitanti, ha deciso di dare 700 euro al mese a ogni famiglia con figlio minorenne che si trasferisce: il sussidio dura un massimo di cinque anni. Racconta Italia Oggi:

Il sindaco di Villasalto è Paolo Maxia, eletto nel 2016 con una lista civica. È stata la sua giunta, con un primo bando che sarà reso pubblico entro il 31 ottobre, a introdurre il reddito di residenza. Con l’importo mensile che, da 700 euro per i nuclei familiari composti da tre persone, scenderà a 500 per i single e le coppie, con un incremento già previsto in caso di nascita di un figlio.

Gli uffici comunali, sulla pagina di Facebook di Villasalto, hanno parlato di «misura unica nel suo genere che sta per essere lanciata dall’amministrazione. L’iniziativa intende fronteggiare lo spopolamento e dare luogo ad alcune iniziative che contrastino la diminuzione degli abitanti, l’invecchiamento della popolazione e il rischio di perdita di altri servizi pubblici per dare avvio a un’inversione della tendenza attuale, creando aspettative positive per il trend demografico e per l’economia villasaltese».

villasalto

Spiega il Comune:

In tutti questi anni c’è stata una notevole diminuzione della popolazione che in un arco temporale di un trentennio è calata da quasi 3.000,00 a 1.030,00 abitanti, la diminuzione delle attività economiche, mentre si sono perse quasi tutte quelle artigiane, terziarie ed alimentari, la soppressione della scuola secondaria di primo grado, degrado delle abitazioni lasciate semi-abbandonate e la riduzione del numero degli alunni frequentanti le Scuole dell’Infanzia e Scuola Primaria ad un numero che oramai quasi non garantisce il proseguo del servizio scolastico offerto.

La giunta ha stabilito che l’entità del contributo sia di € 700,00 mensili per 5 anni per i nuclei familiari comprendenti almeno 3 unità (di cui 1 data da un figlio minore) e di 500,00 per i nuclei familiari di 1 o 2 unità incrementabili ad € 700,00 nel momento della nascita di un figlio. Il bando e tutta la documentazione per inviare la richiesta saranno pubblicati entro il 31/10/2019.

Leggi anche: Mario Giordano è così interessato a Bibbiano che non chiede a Salvini perché ha mentito su Greta (non) di Bibbiano