Opinioni

2 + 2 = 5? Il lato oscuro della matematica del Popolo

La domanda sorge spontanea in questi giorni di desolante dibattito politico. Al telegiornale è una successione infinita di svarioni matematici da segno blu anche alle Elementari. E’ semplicemente segno di una mancanza di cultura scientifica o è un sintomo di un fenomeno molto più grave e preoccupate? Secondo Orwell, in 1984, è fondamentale per ogni regime dittatoriale che il Popolo non sia istruito. Dice infatti: “una rivolta vera e propria è al momento impossibile. Da parte dei proletari, non vi è nulla da temere: abbandonati a sé stessi, continueranno – generazione dopo generazione, secolo dopo secolo- a lavorare, generare e morire, privi non solo di qualsiasi impulso alla ribellione, ma anche della capacità di capire che il mondo potrebbe anche essere diverso da quello che è. Potrebbero diventare pericolosi solo se il progresso tecnico-industriale rendesse indispensabile alzare il livello della loro istruzione … ma il livello di istruzione della popolazione sta in effetti peggiorando. Ciò che le masse pensano o non pensano incontra la massima indifferenza. A loro può essere garantita la libertà intellettuale proprio perché non hanno intelletto”.


La Matematica, secondo Orwell, è la cartina di tornasole sia del livello culturale di una nazione che del suo livello di democrazia. Sempre in 1984 si dice infatti che “Libertà è la libertà di dire che 2+2=4. Concessa questa libertà ne conseguono tutte le altre ”. Cosa sottende questa frase? Che una società, per essere libera, deve basarsi sulla verità. Libertà non è dare lo stesso spazio a chi dice che la Terra è piatta rispetto a coloro che dicono che è tonda così come non è libertà dire che 2+2= 5. La libertà si basa sulla verità e sulla conoscenza. Un regime totalitario ha bisogno della menzogna e delle fake news. In 1984 si afferma che “L’Ignoranza è forza” e il protagonista è costretto ad affermare 2+2 può fare 5 ma anche 3. Se tutto diventa soggettivo, non ci sono più anticorpi alla tirannide. Si spiana la strada alla strategia di Goebbles di ripetere una menzogna cento, mille, un milione di volte fino a che diventi una verità… Questa idea che 2+2 deve fare 4 è stata contestata da molti intellettuali che hanno contrapposto l’ottimismo della volontà al pessimismo della ragione… E’ stato di questa opinione, ad esempio, Dostoevskij vede nella formula 2 per 2 =5 il trionfo della volontà individuale. In effetti sarebbe molto bello e suggestivo poter dire che due più (per) due fa cinque, ricco di meravigliose e fantasmagoriche conseguenze, ma, purtroppo, è falso E qualunque discorso serio ha la necessità di basarsi sulla verità. Se no tutto si confonde. Tutto sarebbe lo stesso: non ci sarebbe differenza fra vero e falso, fra bello e brutto, fra utile e dannoso. Per questo la situazione politica attuale italiana è desolante. Sono stati messi in posizioni di rilievo personaggi che vanno dalla mitica igienista dentale alla ministra dell’Istruzione con poco più della terza media, da Razzi con il suo improbabile Italiano alla Ministra che portava in dote la sua inesperienza. La conseguenza di queste scelte sciagurate le tocchiamo ogni giorno: confine sempre più labile fra verità e leggende metropolitane, fra scienza e superstizione, fra utopia e obiettivi raggiungibili. La popolazione è stata privata degli strumenti razionali per distinguere il vero dal falso, la realtà dalla propaganda. Di volta in volta crede a quello che vogliono farle credere. Viviamo in un periodo storico dove 2+2 fa a volte 5, a volte 3 …. E nessuno si scandalizza. Anzi, se uno dice che 2+2 fa 4, viene fatto a pezzi da trolls e haters…L’incubo di Orwell si sta tenacemente materializzando.

Foto di copertina via

Leggi sull’argomento: Il governo più baciapile degli ultimi 40 anni piacerà ai Vescovi italiani?

Vincenzo Vespri

Vincenzo Vespri è professore di matematica all’Università degli Studi di Firenze Oltre ad essere un professore universitario di Matematica che vede con sgomento l'università italiana andare sempre più alla deriva, sono anche un valutatore di progetti scientifici ed industriali (sia a livello italiano che europeo). Vedere nuove idee, vedere imprese che nascono, vedere giovani imprenditori che per realizzare le proprie idee combattono fatiche di Sisifo contro il sistema paleo-burocratico e sclerotizzato, è un' esperienza tipo Blade Runner: " Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser".