Opinioni

Il primo circolo di MDP chiude

Era stato il primo circolo di Articolo Uno – MDP e nasceva a Serino in provincia di Avellino, intitolato a Enrico Berlinguer. Dopo pochi mesi ha chiuso ufficialmente il 19 ottobre scorso. Ad aprirlo era stato Marcello Rocco, delegato all’assemblea nazionale del PD, che militava nella sinistra del partito. Figlio di Federico Rocco, già dirigente del Pci campano e poi di Rifondazione comunista e dei Ds, Rocco era il segretario della storica sezione intitolata a Enrico Berlinguer.
articolo uno mdp
Nella lettera aperta del circolo si spiegano le ragioni del ripensamento: “Il contenitore nel quale avevamo deciso di confluire non era nient’altro che un mezzo per alcuni, a livello provinciale e nazionale, di ottenere uno scranno in Parlamento”.

Fino ad oggi abbiamo evitato di fare uscite pubbliche o sui social per rispetto delle tante persone da noi coinvolte, che al pari nostro, credevano che finalmente si stesse creando lo spazio adatto per poter portare avanti quelle battaglie di cui facevo cenno poc’anzi, scevri da quelle logiche che avevano soffocato il PD, facendolo diventare soltanto un carrozzone finalizzato alla gestione del potere e di interessi di singoli o di gruppi ristretti.
Tutto questo l’abbiamo fatto presente al Presidente Enrico Rossi, con il quale avevamo intrapreso questo viaggio, attraverso due lettere dove gli spiegavamo la situazione ed un incontro avuto di persona. Semplicemente siamo stati ignorati! Avremmo preferito che ci fosse detto in faccia “state sbagliando” piuttosto che essere umiliati con il solito “vedremo..faremo…” seguito dalla consueta sparizione nel nulla.
Tutto ciò unito alle continue uscite di Massimo D’Alema, di fatto il vero leader del partito, mosso dal rancore verso chi l’aveva defenestrato più che da un rinnovato impegno ci ha portato, attraverso l’assemblea svolta in data 01/10/2017, a lasciare Articolo Uno e a costituirci in “Be”, Associazione Politico-Culturale E. Berlinguer Serino.

Leggi sull’argomento: Sondaggi, Pietro Grasso insidia Matteo Renzi