Politica

Piazza Syntagma scende ancora in campo per Tsipras

Migliaia di persone si stanno radunando davanti al Parlamento greco, nella centralissima piazza Syntagma, per dimostrare il proprio appoggio al governo di Alexis Tsipras, impegnato nei negoziati a Bruxelles. Le immagini della folla che si sta ammassando sono trasmesse in diretta dalla TV statale Nerit la quale evidenzia che sul posto non sono presenti agenti della polizia. La manifestazione, analoga a quella dello scorso 5 febbraio cui avevano preso parte oltre 5.000 dimostranti, si terrà in contemporanea a quelle organizzate in altre città greche e, secondo la Nerit, anche in altri Paesi Ue come la Spagna.

piazza syntagma
Piazza Syntagma (foto da Twls)

Nel frattempo è cominciato oggi il negoziato tra la Grecia e l’Eurogruppo. Tra marzo e fine estate Atene deve effettuare cospicui versamenti al Fmi (4,7 miliardi) e oltre 6 miliardi alla Bce per i bond in scadenza, poi deve rinnovare i bond a breve termine in scadenza. Occorrono almeno una ventina di miliardi. Infine c’è la questione delle banche con la decisione della Bce di bloccare i finanziamenti pur avendo dato il via libera temporaneo allo sportello nazionale dell’assistenza per la liquidità.

Piazza Syntagma: il live di Ruptly TV


Senza un accordo, con paletti e impegni precisi, con un percorso certo di verifiche da parte dei creditori è impossibile procedere. Scrive l’agenzia Radiocor che il ministro degli esteri russo Lavrov ha indicato che Mosca è pronta a esaminare una eventuale richiesta di finanziamento da parte della Grecia (in rubli non in dollari). La cosa è tutta da vedere data la situazione economica difficile della Russia a causa delle sanzioni europee e americane. Da Atene filtra che si pensa a un piano B nel caso di un fallimento del negoziato sul debito, del quale farebbe parte la richiesta di sostegno a Mosca e Pechino.