Politica

Paolo Ferrara e il complotto della targa sbagliata di Ciampi per danneggiare Virginia Raggi

Oggi la notizia della targa sbagliata di Ciampi con il nome “Azelio” al posto di Azeglio ha movimentato un po’ la giornata: la reazione più incredibile è stata quella del consigliere M5S Paolo Ferrara

Raggi

Oggi la notizia della targa sbagliata di Ciampi con il nome “Azelio” al posto di Azeglio ha movimentato un po’ la giornata. Se Partito Democratico e Calenda sono ovviamente partiti all’attacco di Virginia Raggi per l’errore marchiano la reazione più incredibile è stata quella del consigliere M5S Paolo Ferrara.

Paolo Ferrara e il complotto della targa sbagliata di Ciampi per danneggiare Virginia Raggi

La storia è questa: è stato inaugurato questa mattina largo Carlo Azeglio Ciampi, su lungotevere Aventino nel tratto sotto il Giardino degli Aranci, alla presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella, dei figli Claudio e Gabriella Ciampi e della sindaca di Roma Virginia Raggi. La targa però non è stata scoperta perché secondo la versione ufficiale risulterebbe scheggiata anche se dal drappo trasparente si intravede un errore sul nome di Ciampi. Si legge infatti ‘Carlo Azelio Ciampi’ e non Azeglio. Le reazioni degli avversari di Virginia Raggi nella campagna elettorale per le comunali a Roma sono state ovviamente tutte dello stesso tono. Andrea Romano del Partito Democratico ha commentato ironicamente su Twitter: “Non ce la possono fare… A Livorno Nogarin si era rifiutato di riconoscere a Ciampi una piazza della sua città (abbiamo dovuto rimediare noi…). A Roma Virginia Raggi sbaglia il nome del grande italiano ed europeo che fu Carlo Azeglio Ciampi (Gualtieri fai presto…)”. Carlo Calenda invece ha usato anche lui twitter per dire basta: “Inaugurazione della piazza intitolata al Presidente emerito Ciampi. Presenti i Presidenti di Repubblica, Senato e Camera, ospiti della Sindaca Raggi. Non si scopre la targa perché sarebbe ‘scheggiata’. Bugia, in realtà è stato scritto male il nome di #Ciampi. Anche basta”.

paolo ferrara targa ciampi complotto virginia raggi

 

Ma la reazione più incredibile l’ha avuta un sostenitore di Raggi, il pentastellato Paolo Ferrara che al comune di Roma è consigliere. Per Ferrara non si tratta di un semplice errore perché “ormai si inventano di tutto per fermare Virginia Raggi”:

 


Sembrano tornati i bei tempi del complotto dei frigoriferi lasciati per strada, non è vero? Intanto Virginia Raggi fa sapere di aver sistemato tutto: ‘’Sono stata avvisata questa mattina, ho dato subito l’ordine di procedere ad una nuova targa che infatti già adesso è collocata al suo posto’’.

 

foto copertina via Carlo Calenda su Twitter